Loading...
IntervisteLibri

Intervista a Daniela Volonté

Sabato 10 Marzo a Tempo di Libri  ho avuto la possibilità di incontrare la stupenda Daniela Volonté.

Ecco l’intervista che le ho fatto:

Ciao Daniela, siamo felicissimi di poterti intervistare.

Grazie a voi! E’ un piacere essere sul vostro blog.

È il secondo anno che sei a Tempo di Libri. Che esperienza è stata lo scorso anno?

Ogni incontro con chi legge le tue storie è sempre bellissimo, soprattutto per chi come me non fa presentazioni in giro. In pratica è uno dei pochi momenti in cui posso incontrare le lettrici. Resto ancora basita da chi vuole una mia firma… Non me ne capacito molto.

Un altro aspetto fantastico che è rimasto dall’esperienza dello scorso anno è aver incontrato le colleghe e aver instaurato un bel rapporto tra di noi. Cosa che soltanto online non era possibile, ma dopo che ci siamo viste, abbiamo creato una chat in cui ci confrontiamo spesso oppure ci scriviamo anche solo per salutarsi o per augurare in bocca al lupo per una nuova uscita.

Da dove vieni? È stato un lungo viaggio per arrivare a Milano?

Vengo dalla provincia di Como, perciò il viaggio è durato ben trenta minuti! 😉

Ti piace entrare in contatto coi tuoi lettori?

Moltissimo. È la mia carica nei momenti in bui, quelli in cui vorrei mollare tutto.

Con le altre scrittrici invece che rapporto hai?

Ci sono autrici cui sono legatissima, come Sylvia Kant, ci sono altre con cui vado molto d’accordo e altre ancora che non conosco. Però se siamo qui in tante a Tempo di Libri è perché ci siamo organizzate per tempo e ci sentiamo spesso anche solo per un saluto o un confronto.

Ti senti più scrittrice o più lettrice?

Non mi definisco scrittrice, autrice o altri sinonimi. Dalla mia bocca è raro che esca tale parola, perché non mi sento tale. Sono sicuramente una lettrice che ha la passione della scrittura.

Quale dei tuoi libri ami di più? Perché?

Non faccio parte della schiera di persone che rileggono i propri libri, ci troverei solo altri mille difetti, perciò difendo le mie creature, ma le amo tutte allo stesso modo.

A quale personaggio dei tuoi libri ti senti più legata?

In ogni protagonista (sia maschile che femminile) c’è un pezzettino di me, però forse mi avvicino di più a Valentina di Buonanotte amore mio perché proprio come lei non amo la vita sociale, mi piace leggere, sono una pantofolaia, non mi piace mettermi in ghingheri, soffro di attacchi di panico e sono miope. ☺

I tuoi libri sono ispirati a fatti realmente accaduti nella tua vita o sono opere di fantasia?

Prendo sempre spunto da fatti reali, che poi vengono romanzati. E in questo il TG è un ottimo spunto per trovare mille idee.

Dove preferisci ambientare i tuoi libri e perché?

Amo la mia terra, perciò ambiento spesso i miei romanzi nelle zone a cavallo tra Como, Varese e Milano. Inoltre nei miei libri c’è sempre un lago, proprio perché amo molto le mie origini.

Tampo di libri – Daniela Volonté
bty
Loading image... Loading image...
A che personaggi ti ispiri per la stesura dei tuoi romanzi?

I personaggi non mai reali, sono sempre inventati. A volte capita di vedere un attore, o un’attric,e con caratteristiche particolari, tipo una fossetta sulla guancia o sul mento, la pelle di un colore diverso, gli occhi con certe sfumature ecc… Allora prendo questi dettagli e ne faccio dei segni distintivi per i miei personaggi.

Personaggi famose o persone che conosci?

Di persona? Nessuno. Però dove abito io siamo meno di 3000 anime e ci conosciamo quasi tutti, conta? Ahahah

Quale libro non  consiglieresti?

Il primo libro che ho autopubblicato e che per fortuna hanno in pochi. Era proprio una storia acerba e piena di orrori grammaticali, buchi nella trama… Insomma, era il mio primo passo in questo strano mondo.

Preferisci leggere libri pubblicati con una C. E. o in self?

Al momento leggo di tutto, purché siano libri scritti da autrici straniere e tradotti in italiano. Non chiedermi il perché, è un periodo così.

Da quanto tempo scrivi libri?

Dal 2013, sono una novellina. Ho ancora moltissimo da imparare!

Progetti futuri?

Finire il libro con Sylvia. Ci tengo molto a questa collaborazione e appena saremo entrambe libere mi piacerebbe concludere il nostro romanzo e dargli la giusta attenzione.

Uscirà a breve un tuo nuovo romanzo?

Dopo l’uscita dell’ultimo libro in versione self a fine febbraio, vorrei fermarmi un pochino. Magari sviluppare qualche idea con calma, tra cui un progetto un po’ strano ma per cui occorre molto tempo.

Grazie per essere stata con noi!

Grazie tante a voi per la bellissima chiacchierata. Un abbraccio a tutti.

Un abbraccio da parte mia e da tutto lo Staff di Vampire Tears.

Editor's choice
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno