Loading...
A Heart Full Of LoveLibriOh, baby, baby, it's a wild world

Cuore di cenere di Viviana Leo

Titolo: Cuore di cenere
Autore: Viviana Leo
Casa Editrice: Self Publishing
Genere: contemporary romance
Narrazione: prima persona alternata (Emma e Mirko)

Prezzo: Vedi su Amazon.it

Può l’amore diventare un incubo?
Emma se lo chiede continuamente, imprigionata in una vita apparentemente perfetta. Omar, il suo compagno, agli occhi del resto del mondo è un uomo affascinante e carismatico, ma in realtà ogni giorno, fra le mura domestiche, per Emma si trasforma in un orco.
Quanto può reggere il cuore di una donna? E soprattutto, può la dolcezza di un altro uomo far risorgere Emma dalle sue ceneri?

Ho lasciato che entrasse nella mia vita e che si mangiasse qualsiasi parte colorata di me, lasciando solo il grigio, lasciando solo la parte più buia della mia anima, sola con se stessa e isolata dal mondo.

In questo romanzo conosciamo subito Emma, che vive col suo compagno Omar.
Emma ha il terrore di Omar perché lui la umilia, la picchia senza motivo (trova qualsiasi protesto per infuriarsi), la fa divenire denutrita a furia di dirle di mangiare sempre meno, l’ha isolata da chiunque (famiglia e amici), la tradisce e abusa di lei sessualmente.
Emma è terrorizzata da lui, diventa perfino paranoica e per tranquillizzarsi ricorre a qualsiasi stratagemma (come contare i passi).
Durante una litigata Omar la intima di diversi mantenere e quindi di trovarsi un lavoro, per Emma è una spiraglio di luce e si aggrappa a questa opportunità con tutte le sue forze.

Quando scendiamo dall’auto sono otto passi fino alla soglia di casa. Ne faccio solo un altro e mi arriva uno schiaffo. Un calcio, uno schiaffo, un pugno nelle costole. Continuo a non sentire nulla. Dolore fisico, sì, quello non manca, ma dentro sono vuota.

Emma approda in un negozio di ferramenta gestito da Mirko, un suo coetaneo dall’apparenza burbera.
Verrà assunta nel negozio e man mano si farà strada nei cuori di tutti: da Maria, la mamma di Mirko, dai clienti abituali come Giulio allo stesso Mirko.
Emma capirà che c’è un mondo bellissimo fuori dalle quattro mura domestiche e che la violenza non è la normalità.
È una storia di speranza, la storia di una ragazza che risorge dalle sue ceneri.

Omar sa dove colpire, le sue botte non sono mai a caso, ma su punti precisi che posso poi nascondere con gli abiti.

Questo libro è molto diverso dai soliti di Viviana Leo, molto meno frivolo e tratta un tema delicato.
Dal mio punto di vista viene trattata la violenza sulle donne in modo magistrale. Viviana ci descrive una storia reale, la storia di una qualsiasi donna vittima di abusi.

Non è solo la mia storia, è la storia di tante donne che, come me, hanno dovuto affrontare percosse e violenze psicologiche, ma ne sono uscite a testa alta, da sole o con l’aiuto di qualcuno, come è successo a me.

Dal mio punto di vista dovrebbero renderlo un testo obbligatorio in tutte le scuole, da far leggere sia ai ragazzi che alle ragazze. Non è un semplice romanzo ma è un testo formativo sulla vita. Uno spaccato sui giorni odierni. Un argomento da non trascurare.
Viviana lo narra sotto ogni punto di vista: quello fisico, quello psicologico e come una vicenda del genere si rifletta su tutte le persone vicine a chi subisce violenza.
Ho trovato molto migliorata la scrittura di Viviana, più fluida e mai ripetitiva.
Libro bellissimo, come avrete capito lo consiglio a chiunque. Informatevi, leggetelo, non ignorate questa storia.
Emma può essere nel passato della vostra fidanzata, moglie o mamma, o può essere vostra sorella, una vostra amica o la vostra vicina di casa. Ci sono tante Emma che non riescono a risorgere e altre che vorrebbero gridare il loro dolore, Emma ne è il portavoce.

«Ti perdono, Omar», mormoro con voce tremante, mentre lo abbraccio a fatica. Non so più quante volte ho pronunciato questa frase. Non so più neanche io se ci credo o meno.

Editor's choice
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno