Loading...
Cinema

Undone: un viaggio onirico tra le pieghe del tempo

undone amazon prime poster

Undone è una serie animata prodotta da Amazon Prime realizzata con la tecnica del rotoscopio (sì, me l’hanno spiegata) che vede come protagonista Alma, una giovane di ventotto anni che, a seguito di un incidente, scoprirà di avere una capacità molto particolare, quella di piegare il tempo a proprio uso.

undone rosa salazar
Image by TV TIME

Il buio, il silenzio. Il suono della sveglia. Colazione. Doccia. Uscire di casa e andare a lavorare. Pranzo, cena e tornare a letto. Buio di nuovo. Sveglia, colazione, doccia. Un’altra giornata e di nuovo tornare a letto. Addormentarsi, svegliarsi nuovamente e tutto è perfettamente identico al giorno precedente.  La stessa routine, lo stesso cerchio. La maledetta giostra che continua a girare, ancora e ancora. Il paesaggio è sempre lo stesso, qualche volta appare un volto nuovo e tutto ricomincia da capo. Il tempo corre inesorabile e qualcosa dentro di te grida perché vorresti scendere, ma nessuno può sentirti. La giostra non si ferma.

E se invece ne avessi le capacità? Se potessi mettere un freno a tutto, se potessi perfino invertire il senso di marcia, tornare indietro e modificare gli eventi durante il passaggio? Follia o forse una capacità eccezionale?

Per ben comprendere Undone, bisogna fare un piccolo salto al di là delle credenze comuni, del mondo per come lo percepiamo regolarmente, distorcere le linee e le regole dello spazio e del tempo.

Trama

UNDONE è un’eclettica serie animata di mezz’ora che esplora la natura elastica della realtà attraverso la sua protagonista, Alma, una ventottenne che vive a San Antonio, in Texas. Dopo un’incidente stradale in cui ha rischiato la vita, Alma scopre di avere un nuovo rapporto con il tempo e sviluppa questa sua nuova abilità per scoprire la verità sulla morte del padre.

Recensione

Parlare di una serie come Undone non è facile. Un po’ per gli argomenti trattati, un po’ per la visione generale che essa cerca di trasmettere. Cercheremo tuttavia di farlo nel modo giusto cercando di non trascurare nessun degli innumerevoli dettagli che la compongono.

undone amazon prime tvtime
Image by TV TIME

La tecnica di animazione

 In realtà la serie si potrebbe dire composta da un mix di tecniche che si intersecano l’una con l’altra in un connubio perfetto. Composta di sole 8 puntate di appena 20 minuti l’una, Undone vede protagonisti attori in carne ed ossa che vengono tramutati in personaggi animati.  Vi è dunque una ripresa vera e propria dei diversi attori protagonisti che interpretano il proprio ruolo in un’ambientazione spoglia. Una serie di telecamere, poste in punti strategici riprendono quindi i nostri attori da più prospettive in modo tale da poterli inserire poi all’interno del contesto. I personaggi vengono poi ridisegnati sulle movenze e sulle espressività degli attori, marcandone le linee principali per dare una maggiore forza ai loro volti e alle loro  emozioni. Ci sono momenti, all’interno dell’opera in cui ci si dimentica quasi che questi siano disegni perché il cervello assimila quelle linee e riporta in superficie quello che vi è sotto di esse, altre dove invece il tratto illustrato prende il sopravvento modificando la percezione dell’intera scena creando quell’istante di smarrimento che dona valore all’intera sequenza, vedremo poi perché.

Per quanto concerne invece le ambientazioni, si tratta di una serie di dipinti, realizzati a mano e poi riportati all’interno della scenografia realizzata con programmi 3D. Questo procedimento è spiegato egregiamente all’interno dei contenuti extra mostrando una scena in cui alma corre attraverso un corridoio per poi rifugiarsi in un ascensore dove incontra sé stessa. Tramite queste immagini possiamo vedere il grande lavoro attuato dall’intero gruppo di lavoro alle spalle di questa serie.

La dimensione onirica in Undone

Il viaggio nel tempo all’interno di Undone è visto come quasi parte di una dimensione onirica. L’ambientazione naturale che circonda la protagonista nei momenti in cui appare la figura del padre, la trascina fuori da quella che è la realtà comune, la realtà che appare a chiunque altro e la catapulta in un mondo dove non esiste né lo spazio, né il tempo e tutto si modella a seconda seconda di una serie di contorte leggi che non siamo in grado di comprendere. Il mondo, il tempo si riavvolge su se stesso e ci si ritrova catapultati a un giorno prima, una settimana prima e forse anni e anni prima. 

undone amazon prime routine alma
Image by TV TIME

L’animazione rende tutto ciò in maniera perfetta. Forse la stessa tecnica illustrativa designata dona una maggiore profondità a questa caratteristica. Questi personaggi che a tratti ci appaiono così veri e in altri momenti così lontani. I colori della vita reale sono così polverosi, stanchi, quasi appannati, ma quando gli universi si avvolgono tutto cambia. E nulla ha un senso e allo stesso tempo tutto lo ha. Uno squarcio nell’universo. È realtà o è sogno?

Alma: alienazione, schizofrenia o abilità paranormali.

Se c’è una cosa che possiamo notare nel personaggio di Alma già nelle prime scene è un certo senso di apatia. La vita monotona e sempre uguale la stanca. Alma ha perso parte dell’udito quando era molto piccola. L’appannaggio di uno dei cinque sensi crea una distanza dal mondo e una sorta di isolamento. Alma sviluppa un carattere cinico. Affronta la vita con sarcasmo, erige le sue barriere anche con chi vorrebbe starle accanto. Ferisce per non essere ferita, perché è stata ferita anche troppo. Avverte l’abbandono da parte del padre, quello stesso padre che misteriosamente ricompare nella sua vita dopo l’incidente. Quel padre che però solo lei è in grado di vedere. Così come è l’unica a rendersi conto di tutti i salti temporali. Coloro che la circondano non la comprendono. Alma ha davvero delle capacità straordinarie o è tutto frutto di una patologia psichica?

Non vi daremo la risposta a questa domanda, non in questa sede, tuttavia possiamo dirvi che il tema della schizofrenia e in generale della malattia mentale, che sia depressione, ansia, isolamento sociale, viene trattato con estrema attenzione. La serie ci porta a guardare il mondo attraverso gli occhi di Alma. Il grigiume e il cinismo che appartengono al mondo reale. Quella sensazione di essere sempre in corsa su una giostra che non si ferma e dove ogni giorno è uguale al precedente.La sensazione di essere sbagliati,  di essere noi quelli che non comprendano come tutto il mondo possa andare avanti mentre noi non riusciamo a fare un solo passo. Come se farsi toccare dal mondo volesse anche dire farci travolgere, come se si rischiasse di perdere se stessi trovando gli altri. E allo stesso tempo quella sensazione di vivere la vita dall’esterno, come l’unico della compagnia consapevole che sia tu, quanto quelli intorno a te non stiano altro che recitando una parte.

Considerazioni finali su Undone

Per quanto mi riguarda questa serie mi è piaciuta molto. All’inizio lo stile illustrativo mi ha un po’ confuso e sono sicura che questo effetto fosse pienamente voluto ai fini della trama, ma mano a mano che le vicende si susseguivano l’ho apprezzato e amato sempre di più. Sicuramente possiamo definirlo molto innovativo. L’ho trovato molto profondo e molto ben strutturato. I numerosi professionisti che hanno lavorato a questo progetto hanno veramente dato il massimo. Lo consiglio molto a chi voglia imparare a vedere il mondo da una prospettiva diversa da quella da cui siamo abituati a farlo. E per quanto mi riguarda, non vedo l’ora di poter vedere la seconda serie.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editor's choice
l'arc en ciel
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno