Loading...
Oh, baby, baby, it's a wild world - Autori selfpublisher

Kiana. La leggenda delle tre Bestie di Gianluca Sabbi e Giulia Pichi

kiana

Kiana – La leggenda delle tre Bestie è il primo volume fantasy di una serie scritta da Gianluca Sabbi e Giulia Pichi, due autori indipendenti che hanno scelto con coraggio di mettere sul mercato il loro lavoro.

Trama

Kiana, la protagonista di questo travolgente romanzo, racconta in prima persona il suo viaggio alle Hawaii con la speranza di riallacciare i rapporti col padre che non vede da anni. In questa magica terra, Kiana scoprirà di non essere una semplice ragazza di 19 anni, ma destinata a qualcosa di più grande; salvare il ragazzo di cui si è innamorata e la Terra da una minaccia divina.

Recensione

“Tutti quei libri letti su eroine e leggendarie guerriere, pensavo esistessero solo nell’immaginazione di ogni singola persona, ma mi sbagliavo; c’era più realtà in quello che avevo davanti agli occhi, di quanto pensassi. Dovevo prendere coscienza di ciò che stava accadendo. Io ero l’eletta e il mio destino era di salvare l’umanità.”

Kiana è una ragazza che vive a metà tra due mondi. Cresciuta a Roma insieme alla madre, ha sempre avuto un pezzo di cuore lì, nelle lontane Hawaii, dove vive il padre. E una volta diventata grande, sceglie finalmente di affrontare il viaggio oltre oceano che la metterà faccia a faccia con quel genitore scostante che non vede da quando aveva sette anni.

Attraverso questa nuova esperienza di vita, la protagonista cerca di riallacciare il rapporto con il padre e viene allo stesso tempo coinvolta in una vicenda di proporzioni epiche. Chiamata a scontrarsi con tre bestie ancestrali, si addentrerà nella cultura hawaiana e dovrà mettere alla prova se stessa e il novello sentimento che prova per Ray, un ragazzo che è molto più di ciò che sembra.

Da un perfetto intreccio di divinità greche e popolazioni hawaiane, nasce così l’idea originale di una leggenda che sembra voler unire due culture molto lontane tra loro, quasi come a voler creare la testimonianza che l’uomo è unico sulla Terra, senza distinzioni di etnie, correnti di pensiero e usanze; e che quindi tutti siamo sullo stesso pianeta, a vivere vite che sono una la continuazione dell’altra.

Parere personale

Kiana statua maori
Foto di Peter Pruzina da Pixabay

Analizzando con più minuziosità questo libro, ci sono tuttavia alcuni problemi che rendono la lettura poco scorrevole. La storia procede in maniera forse un po’ troppo precipitosa, avrei preferito che i due autori si soffermassero di più sulla presa di coscienza da parte di Kiana riguardo il suo destino; per i miei gusti ha accettato con un po’ troppa foga il suo fato da eletta, e ha imparato un po’ troppo in fretta a combattere.

Passando alla cultura hawaiana invece, mi sarebbe piaciuto scendere più nei dettagli riguardo a usanze e leggende, nonostante da questo punto di vista ritengo la vicenda abbastanza soddisfacente.

In conclusione, ho trovato l’idea alla base di questa storia davvero notevole e interessante; esplora una cultura curiosa, lontana dalla nostra realtà, che affascina. Però mi aspettavo più profondità da parte dei personaggi, una maggiore evidenza dei loro conflitti interiori – in particolare quelli di Ray – e che la vicenda non si sistemasse così in fretta. Mi ha emozionata, sì, ma non quanto mi aspettavo.

Nonostante tutto, credo che leggerò anche il secondo volume, perché l’epilogo ha lasciato il presagio di nuove avventure e mi sento fiduciosa delle potenzialità della storia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editor's choice
l'arc en ciel
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: