Loading...

Un Mal di testa lancinante di Marco Scaldini – Quattro Racconti con il Morto

Un Mal di testa lancinante di Marco Scaldini

Un Mal di testa lancinante è il terzo racconto della raccolta Quattro racconti con il Morto edito di Segreti in Giallo.

Trama

L’agente Valentini è afflito da un terribile mal di testa da ormai quasi ventiquattro ore tanto che non riesce nemmeno a reggere la scena del delitto da doversi affacciare alla finestra a rimettere la colazione e riprendere aria. Ed è lì, che vede una figura gettare qualcosa nel cassonetto.

Un Mal di testa lancinante – Recensione

È sempre una sfida recensire un racconto così breve come quello che abbiamo davanti senza rischiare di svelare troppo della trama.

Un mal di testa lancinante è ciò che affligge il protagonista nel momento in cui si trova sulla scena del crimine. Questo mal di testa lo accompagna da prima ancora che abbia inizio l’indagine e per tutta la durata delle stesse, tanto che è costretto a recarsi dal proprio medico per cercare sollievo.

Non vi parlerò del finale della vicenda, sebbene anche su questo siano da porre importanti riflessioni. Ma certo posso dirvi che lascia una domanda, ovvero, se sia davvero quella che vie presentata la soluzione del delitto.

Onestamente non sono realmente convinta che il caso sia realmente risolto, ma ne parleremo, se ne avrete piacere nell’area commenti.

Lo stile dell’autore rimane pulito, chiaro e scorrevole. Scaldini è abile nel descrivere la sensazione di disagio alla quale il protagonista si trova costretto. Il senso di vertigine, il disgusto, quella sensazione di non rendersi conto se ciò che vede sua davvero la realtà.

Anche questo, vi consiglio di portarlo al mare o comunque in vacanza.

Unico difetto? Troppo breve.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editor's choice
l'arc en ciel
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: