Justice League: The Snyder cut

La Zack Snyder’s Justice League, attualmente disponibile su diverse piattaforme online, diretto appunto da Zack Snyder. Prodotto dalla Atlas enterteinment. Distribuito dalla Warner bross. Ne parliamo oggi, in uno speciale dedicato a Il mito del Supereroe.

La pellicola ha avuto una produzione a dir poco “travagliata” a seguito dell’avvicendamento tra Snyder e Joss Whedon che dovette abbandonare la regia nella fase di post-produzione. Il collega ha prodotto una versione finale totalmente diversa con nuove scene e moltissimi tagli a quelle già girate.

Cast

Tutti i personaggi sono gli stessi visti nei precedenti film del Dc Universe e hanno ripreso i medesimi ruoli: Ben Affleck, Gal Gadot, Henry Cavill, Jason Momoa, Ezra Miller, Amy Adams, Ray Fisher, Jeremy Irons, Diane Lane, Jared Leto.

Trama

Zack Snyder's Justice League (2021) Ben Affleck, Henry Cavill, Jason Momoa, Gal Gadot, Ezra Miller, and Ray Fisher in Zack Snyder's Justice League (2021)
Zack Snyder’s Justice League (2021)
Ben Affleck, Henry Cavill, Jason Momoa, Gal Gadot, Ezra Miller, and Ray Fisher in Zack Snyder’s Justice League (2021) © IMDb

Migliaia di anni fa, Darkseid e il suo esercito di parademoni tentarono di conquistare la Terra usando l’energia delle tre Scatole Madri. Nel presente, la morte di Superman ha innescato la riattivazione delle Scatole Madri, attirando sulla Terra Steppenwolf, servitore di Darkseid. Steppenwolf mira a riconquistare il favore del suo padrone e vuole utilizzare le Scatole Madri per formare l’Unità, che ha il potere di terraformare la Terra secondo la volontà di chi la controlla. Steppenwolf recupera la Scatola Madre in possesso delle Amazzoni su Themyscira; la regina Ippolita avverte sua figlia, Diana Prince, dell’imminente pericolo. Diana informa Bruce Wayne del piano di Darkseid, e i due si mettono alla ricerca di altri metaumani che possano aiutarli a proteggere la Terra. Bruce incontra Arthur Curry e Barry Allen. Diana rintraccia Victor Stone. Steppenwolf attacca, alla squadra non resta che tentare il tutto per tutto per salvare il mondo.

Recensione

Posso dirlo a gran voce: questa versione è di gran lunga migliore di quella Di Joss Whedon del 2017.

Dall’alto delle sue quattro ore circa, la pellicola presenta moltissime scene in slow motion come è nello stile del noto regista, ciononostante non ci si annoia.

La colonna sonora è molto ricca e accompagna bene le scene, dalle più rapide e ricca di suspence, resa viva dai combattimenti surreali, a quelle come dicevo poc’anzi lente per catturare al meglio ogni singolo fotogramma.

La trama è ben delineata e colma di dettagli sulla psicologia dei singoli personaggi.  Ci aiuta a comprendere finalmente le motivazioni che spingono dapprima Batman e Wonder Woman a temere un’invasione aliena le ragioni per cui le reclute anche se inizialmente riluttanti decidono di unirsi alla lega della giustizia.

Le tessere del domino di questa storia, sono molto più chiare della precedente versione e finalmente si nota l’anima oscura e catartica dei film dell’universo Dc discostandosi totalmente dalla versione  ironica che non volendo rischiava di scimmiottare gli Avengers.

Personaggi

Bruce Wayne ha come potere la ricchezza, ma anche la responsabilità e l’onere dell’essere un cavaliere oscuro, fallibile e umano. Inoltre sente ancora il senso di colpa della morte di Superman.

La divina figlia di Zeus Diana Prince, ha tentato di integrarsi nel mondo degli uomini, ma senza grande successo. La squadra per lei sarà un modo di ritrovare il proprio posto nella battaglia tra i malvagi e gli umani, alleandosi con altri meta-umani.

Zack Snyder's Justice League (2021)
Zack Snyder’s Justice League (2021) © IMDb

Arthur Curry è un Aquaman davvero strafigo. Il re di Atlantide anche se riluttante ad accettare quel ruolo essendo per metà umano, ha il brutto vizio di bere, è inoltre rozzo e volgare. Ha il pregio di amare gli oceani e l’ecosistema, anche se una piccola pecca in una scena la si nota: getta in terra il suo maglione e una bottiglia prima di gettarsi in mare. E no, Aquaman, non si fa!

Berry Allen è un giovanissimo Flash spiritoso, iperattivo, ma comunque soddisfacente nella sua performance. Mira a dimostrare l’innocenza del padre che venne accusato dell’omicidio della madre è palesemente portato per il lavoro nel settore balistico ed è amorevolmente insicuro.

Cyborg prima dell’incidente era un’adolescente portato per l’informatica e dal grande cuore. Ma nonostante le parti meccaniche notiamo ancora il grande cuore di Viktor Stone. La sua grande emotività e voglia di non sentirsi un moderno mostro di Frankestein.

Superman? Che dire di Superman, qualunque cosa dicessi sarebbe uno spoiler, ma tanto lo so che sapete che torna in vita…

Il villain

Anche in questa versione l’antagonista ovvero Steppenwolf, non mi piace per nulla. Non ha carisma, è un attrezzo alieno, grosso, brutto e che desidera compiacere il suo padrone conquistando il mondo. Insomma nulla di oggettivamente accattivante o nuovo ormai.

Lavora per un altro essere ancora più grosso e cattivo: Darkside con la medesima mania di grandezza e brama di conquistare tutti i mondi.

Nessuno dei due malvagi mi ha appassionata più di tanto. Comunque sono accettabili e hanno dato il giusto condimento al film.

In conclusione

Il pubblico e la critica sembrano essere rimasti colpiti dalla pellicola e si auspica un sequel nei prossimi anni. Appare chiaro che dovremo attendere il responso dei produttori e naturalmente l’andamento della pandemia causata da covid-19 per capire se la Lega tornerà ad appassionarci con una nuova avventura, le premesse sembrano esserci. Io me lo auguro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.