Sabramaelin: torna Van Helsing con il secondo volume della saga di Gianmario Mattei

Tempo fa abbiamo recensito sul nostro portale Sabramaelin di Gianmario Mattei. Come da nostra abitudine abbiamo contattato l’autore per una breve intervista in cui, forse, riusciremo a farci svelare qualche altro segreto dietro la Van Helsing saga.

Intanto bentornato Gianmario, spero tu sia felice di essere nuovamente qui con noi sul nostro sito. I nostri lettori ormai dovrebbero conoscerti, perciò comincio subito con le domande. Partiamo dal titolo, come nasce Sabramaelin?

È un piacere anche per me ritornare sul vostro portale e “chiacchierare” del mio nuovo romanzo. Partiamo dal titolo, come credo sia giusto per sviscerare un libro, su cui posso dirvi che è semplicemente il nome di una specie di creature antiche e molto potenti, appartenenti al cosmo magico che Van Helsing e James Every, le due saghe fantasy a cui lavoro da anni, condividono. I Sabramaelin sono creature inafferrabili e micidiali, capaci di confondersi tra gli esseri umani e creare scompigli e disastri peggiori dei vampiri o degli altri Immortali. Dopo tutto sono i servitori più fedeli di Gonnarath, la Morte. Quindi, con questa premessa, posso assicurarvi che gli eventi che coinvolgeranno Boudjiewin e i nuovi personaggi sono davvero devastanti, anche se sottovalutabili durante la lettura.

Il secondo libro è molto diverso dal primo. Da quello che era un horror siamo passati a tematiche molto più vicine al genere fantastico. Come mai questa scelta?

Sabramaelin (Van Helsing 2) di Gianmario Mattei
Sabramaelin (Van Helsing 2) di Gianmario Mattei
Acquista su
AmazonMondadoriFeltrinelliIBSLibraccioLibreria universitaria

È stata una scelta ragionata in funzione dell’impatto della storia sul lettore. Nel primo libro, la forma diaristica fornisce al lettore le verità filtrate dall’esclusivo punto di vista di Boudjiewin. La storia, però, coinvolge moltissime altre fazioni, magiche o non, e altri attori di vicende la cui narrazione, e piena comprensione, richiedeva un punto di vista esterno e imparziale.

Anche la presenza preponderante di magia e creature, mostrate sin dall’inizio, è stata una scelta dettata dalla necessità di spiegare alcuni meccanismi di convivenza tra gli umani e non in questo mio mondo letterario. Alcuni, i lettori più accaniti del genere dark fantasy/horror, potrebbero storcere un po’ il naso, pertanto voglio rassicurarli che questo secondo volume della saga dedicata ai Van Helsing è da considerarsi una grande introduzione ai prossimi romanzi in cantiere.

So che è previsto un terzo volume, pensi di continuare su questa rotta o sarà più simile al primo? Puoi anticiparci qualcosa?

Sì, esatto, è previsto un terzo volume a cui inizierò a lavorare a breve in modo da poterlo pubblicare per il prossimo anno. La tipologia di scrittura rimarrà molto simile a quella utilizzata per il secondo volume, narratore esterno, mentre le tematiche e le note horror torneranno a padroneggiare per tutto il terzo romanzo.

Un quarto volume, la cui trama è al momento ancora allo stato embrionale, andrà a chiudere il ciclo narrativo dedicato a Boudjiewin, il primo cacciatore di oscurità della famiglia Van Helsing.

E ripeto: cacciatori di oscurità, perché i miei Van Helsing si discosteranno, anche in futuro, dall’essere solo cacciatori di vampiri. Anche perché non tutti i vampiri sono mostri assetati di sangue, alcuni sono anche ottimi e fedeli alleati come ho avuto modo di raccontare in questi primi due volumi.

Paliamo dei Maegi. Da dove nasce l’ispirazione per queste figure? Per qualche motivo mi hanno ricordato alcuni aspetti che si possono ritrovare nel paganesimo, almeno in alcune di esse.

Sono stato sempre molto affascinato dalle religioni antiche e dai loro cerimoniali, quindi, nel momento in cui ho deciso di creare i miei maghi ho attinto a piene mani dal materiale che mi sembrava più consono allo scopo che mi ero prefissato, apportando le modifiche necessarie ai miei scopi.

Il Richiamo del Sangue di Gianmario Mattei
Il Richiamo del Sangue di Gianmario Mattei
Acquista su
Libreria universitariaMondadoriFeltrinelliIBSLibraccio Amazon

In VH2 abbiamo a che fare sin dalle prime pagine con questi uomini dotati di poteri straordinari e in particolare con membri di alcune Congrega libere dedite ai culti di divinità strettamente legate alla natura intesa come principio creativo. Un principio incarnato nella dea Elerith, per l’appunto signora della Vita.

Spero di avere modo di parlare ancora dei culti maegi nei prossimi libri, magari soffermandomi con calma sui credo e sui cerimoniali.

In ultimo voglio sottolineare che i maegi non sono dei sacerdoti o dei maghi nell’accezione classica del genere fantasy, bensì dei combattenti molto abili che maneggiano prima di tutto armi e poi incantesimi offensivi e difensivi.

Non dimentichiamoci del fatto che Van Helsing e James Every sono saghe dark fantasy!

La struttura dei Maegi è alquanto particolare. Vi sono fra essi alcune figure maschili, eppure le figure femminili sono quelle che spiano maggiormente all’interno della congrega. C’è un motivo in particolare?

Il mondo maegi è avanguardista, non fa caso al sesso delle persone o alla loro inclinazione sessuale. Si basa sulle capacità dei singoli individui e delle conoscenze.

Purtroppo non ho potuto dare spazio a tutti i membri della prima Congrega maegi con cui il lettore ha a che fare, avrei appesantito inutilmente il romanzo, preferendo di concentrarmi sugli attori principali che sarebbero stati coinvolti direttamente nelle vicende.

In questo libro compare un personaggio che appartiene ad un altro tuo scritto. Senza fare troppo spoiler puoi dire a quanti fra i nostri lettori decidessero di approfondire dove possono trovarlo?

Immagino vi riferiate a Ronald Every, il cui cognome indica in maniera esplicita un legame con il protagonista dell’altra mia saga, ed è così. Ronald è un antenato di James e la sua storia introdurrà alcuni eventi che hanno portato all’estinzione della famiglia.

Ma, attenzione, spoiler: Ronald non è l’unico Every che comparirà nel libro, ce ne saranno altri ed uno è un personaggio insospettabile che avete già conosciuto….

A breve uscirà un tuo nuovo romanzo non legato alla saga di Van Helsing, puoi anticipare qualcosa su questa storia?

Ore Morte di Gianmario Mattei
Ore Morte di Gianmario Mattei

Ore Morte, in uscita il 21 luglio in esclusiva per Amazon. Si tratta di un romanzo molto particolare influenzato e ispirato dagli altri generi letterari e cinematografici che prediligo oltre al fantastico: l’hard boiled, o pulp, e il new weird.

Avrà una narrazione più asciutta e tagliente, sporca, cattiva e, soprattutto, reale. Roma, dove ho vissuto per un terzo della mia vita attuale, farà da sfondo a queste nuove vicende. Vi divertirete, ne sono sicuro!

Come mai hai optato per la scelta self per questa tua nuova opera?

È la mia prima pubblicazione in self ed è un esperimento. Il progetto “Ore Morte” risale a qualche anno fa in realtà, ma sin dalle prime battute ho avuto la sensazione che i contenuti e le tinte del romanzo non avrebbero attirato l’attenzione di un editore, non per qualità ma per genere ancora più di nicchia del dark fantasy e poco appetibile al mercato editoriale di questi anni troppo veloce e vorace per i miei gusti.

E poi, chissà, magari questa pubblicazione porterà con sé inaspettate sorprese future a cui non ho nemmeno pensato.

Hai altri progetti in cantiere oltre al libro in uscita e il seguito di Van Helsing?

Prenderò una pausa di qualche mese dopo l’uscita di Ore Morte. Da metà settembre, salvo cambiamenti, tornerà a concentrarmi su due romanzi che spero di pubblicare l’anno prossimo. Uno di questi sarà senza alcun dubbio il terzo volume della saga dei Van Helsing, l’altro dovrò scegliere se concentrarmi sul nuovo romanzo della saga James Every o terminare un altro romanzo sperimentale su cui sto lavorando a rilento da circa cinque anni.

E sulla saga di Van Helsing puoi già annunciare qualcosa?

Posso anticiparvi che la trama e il titolo sono stati già definiti contemporaneamente all’uscita di Sabramaelin. VH3 sarà un romanzo esplosivo sia in termine di eventi che di rivelazioni che vi terranno attaccati alle pagine.

Grazie mille di essere stato con no, spero tu ti sia divertito. Vuoi lasciare un saluto ai nostri lettori?

Grazie a voi per avermi accolto, per la disponibilità e lo spazio che avete concesso alle mie creature di carta. Un gigantesco saluto ai vostri lettori e a miei, invitando tutti coloro che sono interessati a seguire i miei profili social dove, di tanto in tanto, pubblico ampliamenti sui miei mondi fantastici o anticipazioni sulle prossime pubblicazioni.

Ciao!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.