Manuel Delgado Villegas evidenza copertina

Manuel Delgado Villegas fu il primo serial killer spagnolo. Il suo soprannome era “el arropiero”. Ha ucciso un totale di 48 persone negli anni 60. Il suo modo di uccidere è stato sviluppato da un colpo mortale che ha appreso durante il suo addestramento militare.

Manuel Delgado Villegas
Manuel Delgado Villegas © Alchetron

Nome completo: Manuel Delgado Villegas

Nazionalità: spagnola

Date: 25 gennaio1943 – 2 Febbraio 1998

Arco omicidi: 1964-1971

Vittime: 8-48

Manuel Delgado Villegas – Vita

Manuel è Nato in Sevillia (Spagna) il 25 gennaio 1943. Ssua madre morì a 24 anni dandolo alla luce e fu cresciuto solo dal padre José Delgado Martín che per vivere fabbricava e vendeva  arrope, un concentrato di frutta prodotto nel sud della Spagna e usato per fare dolci. Da lì, l’alias che suo figlio ha ereditato, l’arropiero.

Sia lui che sua sorella però furono spesso picchiati dal padre, che nonostante fosse un buon lavoratore  era anche un alcolista che dava le colpe di tutte le sue disgrazie a sua moglie, morta lasciandolo da solo a sfamare due figli. Quando si risposò felicemente  mandò Manuel e sua sorella Joaquina a vivere con la nonna materna a Mataró, in Catalogna. Così Delgado e sua sorella vissero con la nonna nel quartiere prevalentemente andaluso di La Cirera. Frequentò la scuola ma non ha imparò mai a leggere e scrivere.

La sua infanzia, segnata dall’orfanotrofio, dai maltrattamenti del padre e dal suo basso QI, ha forgiato la sua personalità adulta e ha scatenato scoppi di violenza e aggressività, aggravati dall’eccessiva forza. Non gli importava chi doveva affrontare, affrontava chiunque fosse.

Nel 1961, all’età di 18 anni, Delgado si arruolò nella Legione spagnola. Lì apprese le tecniche di combattimento corpo a corpo. Una in particolare, il golpe legionario o golpe mortal (letteralmente “colpo mortale”), un colpo alla laringe con il filo della mano divenne uno dei suoi metodi preferiti per uccidere .

Dopo Delgado divenne un nomade. Visse vagando lungo la costa mediterranea mendicando, rubando e litigando con prostitute e omosessuali. Fu arrestato molte volte, ma non fu mai incarcerato, il suo strano comportamento agli arresti lo ha sempre portato a essere mandato in istituti psichiatrici, dai quali è sempre stato rilasciato.

Gli Omicidi

Delgado ha ucciso la sua prima vittima accertata nel 1964, all’età di 21 anni, ed è rimasto attivo fino al suo arresto a 28 anni nel 1971.

La maggior parte delle sue vittime erano donne che, secondo Delgado, gli chiedevano favori sessuali, ma venivano anche uccise per rapina o offese nei suoi confronti. Uccideva strangolando, usando il suo colpo mortale o con colpi alla testa. Non c’era un chiaro modus operandi, sebbene la brutalità fosse sempre presente nei suoi crimini.

Delgado attaccava gli altri con l’intenzione di derubarli o, se la vittima era una donna, violentarle, cosa che faceva però solo dopo che erano morte. La natura selvaggiamente diversa dei crimini e delle vittime (uomini e donne, giovani e anziani, spagnoli e stranieri, eterosessuali e omosessuali, ricchi e poveri) e lo stile di vita nomade di Delgado hanno reso impossibile per le forze dell’ordine collegare gli omicidi come opera di un singolo individuo prima della confessione di Delgado. Solo gli ultimi due omicidi sono avvenuti nello stesso luogo e vicini nel tempo, provocando l’arresto di Delgado.

Vittime

Prima vittima fu Adolfo Muntaner (21 gennaio 1964) – Uno chef di 49 anni ucciso su una spiaggia mentre dormiva.

Delgado dichiarò

Ho visto un uomo addormentato appoggiato a un muro. Mi sono avvicinato a lui e molto lentamente, con un grosso sasso che avevo raccolto vicino al muro, l’ho colpito alla testa. Quando mi sono accorto che era morto, gli ho preso il portafoglio e l’orologio al polso. Non aveva quasi niente dentro e l’orologio era una schifezza!

Lo stesso Delgado ha affermato di aver gettato da una scogliera un altro omosessuale, un cliente, a Garraf dopo che la vittima ha detto “Che bellezza! Che vista! Non mi dispiacerebbe morire proprio in questo posto!”. A questa affermazione Delgado ha risposto “Muori allora” e lo ha spinto.

Il suo delitto più atroce, e quello che più ha sconvolto il Paese, è stato quello commesso contro una donna di 68 anni, che, dopo aver ucciso con un colpo alla testa e lanciandola attraverso una sbarra, ha violentato per i quattro giorni successivi.

Durante le indagini dopo il suo arresto, fu proprio questo delitto a evidenziare l’estraneità di Manuel Delgado Villegas dalla realtà. Descrivendolo durante gli interrogatori, l’Arropiero si riferiva sempre all’anziana come “una ragazza di 19 anni”.

L’arresto

L’indizio che ha portato la polizia a lui è stata la scomparsa di una donna di 38 anni nel gennaio 1971.

La donna aveva una disabilità mentale, era famosa per la sua promiscuità e usciva con Manuel Delgado de Villegas, di cui la polizia non aveva sospetti. Gli agenti hanno scoperto che era fuggito e lo hanno subito trovato e detenuto in un campo aperto a El Pilar (Cadice). Delgado confessò presto il delitto e condusse gli agenti al cadavere della donna scomparsa. Delgado ha confessato di aver strangolato la donna con i suoi collant mentre stavano facendo sesso, suo corpo era stato profanato per i successivi tre giorni.

Non è mai stato ufficialmente processato

Quando fu arrestato per l’omicidio della donna nel 1971, sette anni dopo il suo primo omicidio accertato, si accusò di altri 48 omicidi che sarebbero stati perpetrati in tutta Europa. Tuttavia, la polizia ha potuto provare solo sette di questi omicidi.

I test psicologici determinarono in Delgado una grave malattia mentale che gli impediva di distinguere tra bene e male. Questa malattia lo liberò dalla sua responsabilità penale e gli impedì di essere processato ufficialmente.

Un rapporto psichiatrico firmato a Madrid il 12 aprile 1972 lo definì “un pericolo sociale in sommo grado”. Dopo aver condotto un’indagine genetica, si concluse che “l’Arropiero” fosse un portatore di 47 cromosomi con trisomia della coppia numero 29, XYY, il controverso cromosoma della violenza, o cromosoma Lombroso (dal nome scienziato che lo ha scoperto).

El Arropiero fu ricoverato in un centro psichiatrico a Madrid per 20 anni, fino a quando nel 1996 fu trasferito in un altro a Barcellona.  

Dopo più di vent’anni di pellegrinaggio dalla psichiatria alla prigione, Manuel Villegas Delgado cambiò atteggiamento. Smise di vantarsi di aver commesso gli omicidi. Voleva solo guarire per godersi la libertà. E questo avvenne con l’entrata in vigore del nuovo codice penale. Nessuno si ricordava più di lui e trascorse i suoi ultimi anni a mendicare per le strade di Mataró.

Manuel Delgado Villegas morì il 2 febbraio 1998 all’ospedale Can Ruti di Badalona a causa di una broncopneumopatia cronica ostruttiva.

Delgado è entrato nella storia della Spagna come il peggior assassino del paese, ma il più grande serial killer spagnolo di tutti i tempi ha trascorso 26 anni in prigione e non è mai stato processato per i suoi crimini.

Curiosità

Per puro caso, quando è stato arrestato, mentre era in viaggio con gli agenti, ha sentito alla radio che un messicano aveva ucciso un numero di persone maggiore di lui, ha quindi affermato

Dammi 24 ore e ti assicuro che un miserabile messicano non sarà un assassino migliore di uno spagnolo.

Nel processo di indagine sulla veridicità delle sue affermazioni, il magistrato inquirente di El Puerto de Santa María, Conrado Gallardo Ros, insieme agli investigatori coinvolti nei casi, ha accompagnato Delgado sulle scene dei crimini, per un periodo di 2 anni,dove ha ricostruito e spiegato i crimini.  Le foto scattate durante le indagini mostrano Delgado sorridere e persino abbracciare i detective, che hanno usato la forma affettuoso del suo nome – “Manolo” o anche “Manolito”.

È diventato il primo serial killer a viaggiare sulle scene dei suoi crimini in aereo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.