Thierry Paulin è nato il 28 novembre 1963 ed è morto il 16 aprile 1989. È stato un serial killer francese attivo negli anni ’80. In prigione è risultato positivo all’HIV e da quel momento ha incrementato la sua follia omicida.

  • Nome completo : Thierry Paulin
  • Nazionalità: francese
  • Date: 28 novembre 1963 – 16 aprile 1989
  • Arco omicidi: 1984 – 1987
  • Numero di vittime: 18 – 21

Infanzia e adolescenza di Thierry Pauline

Paulin è nato a Fort-de-France, in Martinica. Suo padre fuggì in Francia subito dopo la sua nascita, lasciando la madre adolescente a badare a sé stessa e al bambino. Paulin è stato cresciuto in Martinica da sua nonna paterna. La donna possedeva un ristorante e presumibilmente prestava poca attenzione a suo nipote. A dieci anni, Paulin ha iniziato a vivere con la madre ormai sposata, cercando di integrarsi con i suoi fratellastri e sorelle. Il suo comportamento cominciò a diventare irregolare e violento nei confronti degli altri bambini, e alla fine sua madre chiese al padre di portare il figlio in Francia. Suo padre ha accettato per evitare di pagare gli alimenti.

In quanto studente di razza mista tra coetanei bianchi, Paulin aveva pochi amici e andava male a scuola, non superando gli esami. All’età di 17 anni, decise di entrare nel servizio militare, unendosi alle truppe di paracadutisti. Tuttavia, i suoi colleghi non lo accettavano a causa della sua palese omosessualità e del colore della sua pelle. Questo lo indurì lentamente ma costantemente e lo “ispirò” a cercare vendetta nei confronti della società.

Prima ondata di attacchi omicidi

Negli anni ’80, c’erano circa un quarto di milione di donne oltre i 65 anni che vivevano sole a Parigi. Un po’ per la loro debolezza e un po’ perché assomigliavano a sua nonna, queste donne ignare diventarono il bersaglio di Paulin. Il suo primo assalto avvenne il 14 novembre 1982. Ha attaccato un’anziana signora con un coltello in un negozio di alimentari. Tuttavia, è stato preso e arrestato perché la donna sapeva chi era.

Nel giugno 1983, Paulin è stato arrestato e condannato a due anni. Tuttavia, la pena è stata sospesa ed è stato rilasciato poco dopo l’arresto.

Da Tolosa a Parigi

The Paradis Latin cabaret at rue du Cardinal-Lemoine in ParisLPLT, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Nel 1984, dopo aver lasciato l’esercito, Paulin apprese che sua madre e la sua famiglia vivevano ora a Nanterre, un sobborgo settentrionale di Parigi. Decise di andare a vivere con loro, ma il suo rapporto con la famiglia era spesso ostile.

Paulin venne assunto come cameriere al “Paradis Latin“, un night-club rinomato per i suoi spettacoli di drag queen. Lì ha iniziato a sua volta una carriera come artista drag cantando le canzoni della sua cantante preferita, Eartha Kitt. Sua madre fu invitata una volta ad assistere alla performance di suo figlio, ma lasciò il club pochi secondi dopo l’inizio dello spettacolo.

L’evento più importante accaduto a Paulin al “Paradis Latin” fu incontrare Jean-Thierry Mathurin. Allora diciannovenne, Mathurin era nato nella Guyana francese ed era un tossicodipendente. Paulin si innamorò di lui e diventarono presto amanti. Anche Paulin era dipendente, ma meno gravemente, e vendeva anche droga.

La nascita di un mostro

Gli attacchi continuarono, solo che iniziarono a diventare sempre più cruenti. Il 5 ottobre 1984, due anziane signore – Anna Barbier-Ponthus (83) e Germaine Petitot (91) sono state aggredite e picchiate. Germaine è sopravvissuta ma era troppo traumatizzata per dare una descrizione dettagliata dei criminali. Anna Barbier-Ponthus, 83 anni, è morta dopo essere stata picchiata e asfissiata sotto un cuscino. Il suo assassino l’ha derubata di 300 franchi (circa 50 dollari).

Nell’ottobre-novembre del 1984, altre otto donne anziane sono state assassinate, principalmente nel 18° distretto di Parigi, ma anche nei distretti vicini. La violenza dei crimini era orribile. Alcune delle vittime avevano la testa infilata in sacchetti di plastica, altre sono state picchiate a morte, e una di loro è stata costretta a bere del detergente per scarichi. In tutti i casi, il movente sembrava essere la rapina. La gente ipotizzava che avrebbe coinvolto le donne anziane in una conversazione e, se non erano di suo gradimento, le avrebbe uccise, mentre Paulin stesso ha detto alla polizia  “ho affrontato solo le più deboli di loro”.

Mai più amanti

Durante la sua follia omicida, Paulin conduceva uno stile di vita stravagante e sontuoso con il suo amante Mathurin. Passavano le notti assumendo droga, bevendo champagne e ballando. Le cose però cambiarono rapidamente quando i due decisero di andare a vivere con il padre di Paulin a Tolosa.

Parigi - Tour Eiffel - France

Parigi – Tour Eiffel – France
Photo by 🇸🇮 Janko Ferlič on Unsplash

A suo padre non piaceva Mathurin, e dopo diversi litigi accesi, i due amanti si lasciarono. Mathurin tornò a Parigi mentre Paulin rimase col padre. Tuttavia non riuscendo a creare il proprio gruppo di artisti drag ed tornò nella città dell’amore, infuriato e agitato.

La seconda ondata di omicidi

In sei mesi, dal 20 dicembre 1985 al 14 giugno 1986, altre otto donne anziane furono state assassinate. La polizia non è stata in grado di identificare l’assassino, anche se gli investigatori avevano alcuni indizi. La polizia aveva determinato attraverso le impronte digitali che l’autore era lo stesso individuo che aveva commesso gli omicidi del 1984. Tuttavia, nei nuovi omicidi, l’assassino sembrava preferire metodi più rapidi e meno crudeli per uccidere le sue vittime, a differenza del suo precedessore. Avrebbe seguito le donne ignare mentre facevano la spesa. Una volta davanti alle loro porte, le spingeva dentro, le uccideva strangolandole e asfissiandole e le derubava.

Scoprire di avere l’HIV

Paulin fu arrestato nell’autunno del 1986 quando assalì uno dei suoi spacciatori con una mazza da baseball. È stato condannato a 16 mesi per l’aggressione e ha trascorso un anno nella prigione di Fresnes. È lì che ha scoperto di essere sieropositivo.

Invece di usare quella diagnosi per cercare di fare ammenda, la sete di crimine di Paulin crebbe più forte. Si sentiva come se fosse in una corsa contro il tempo e voleva uccidere quante più persone possibile mentre si codeva la vita al massimo.

Il conto alla rovescia finale

Sapendo di essere in effetti condannato a morte a causa dell’AIDS, Paulin organizzava feste sontuose, spendendo molti soldi e non badando a spese. Paulin ha pagato queste feste con carte di credito e assegni rubati, e con i proventi dei suoi omicidi.

Il 25 novembre 1987, la serie riprense con l’omicidio della settantanovenne Rachel Cohen. Lo stesso giorno assalì Berthe Finalteri, che a causa dello strangolamento venne creduta morta. Il 27 novembre strangolò Geneviève Germont che sarà la sua ultima presunta vittima. Ma Berthe Finalteri, svenuta, sopravvisse. E sulla base della sua testimonianza e di quella di un vicino che aveva incontrato Thierry Paulin sulle scale, la polizia ha realizzato un identikit dell’aggressore. Sembrava essere un meticcio di 1,80 m, sui vent’anni con i capelli di Carl Lewis , con un naso piatto e capelli biondi decolorati crespi, un gioiello all’orecchio sinistro.

Il 28 novembre 1987, l’identikit venne inviato a Parigi. Quella stessa sera, Thierry Paulin aveva invitato una trentina di persone, compreso il suo avvocato, in un ristorante a Les Halles le Tourtour , in occasione del suo 24° compleanno. La festa durò fino alle 3 del mattino. Il costo della serata di Paulin ammonta a 14.500 franchi finanziati con l’aiuto dei soldi delle sue ultime vittime.

Identificazione, arresto e incarcerazione

Grazie a queste indicazioni trasmesse a tutte le squadre di polizia, un commissario, Francis Jacob, arrestò l’indagato, incontrato casualmente per strada.

Una volta arrestato, Thierry confessò l’omicidio di 21 persone dopo due giorni di fermo di polizia. Secondo gli agenti che da tre anni indagavano sui suoi omicidi, nonché i magistrati incaricati del caso, il numero delle sue presunte vittime si aggira probabilmente intorno a una trentina.

Al calar della notte, l’ispettore Bernard Laithier tirò fuori il liquido a base di soda caustica che uno degli assassini aveva dato da bere a una vittima tre anni prima. Quando Bernard Laither lo vide asserì con fervore: “È quello! È lui!” Paulin si difende dicendo “Non sono io!”. L’ispettore Laither continuò ad interrogarlo. Messo alle strette, Paulin finì per denunciare il suo complice, Jean-Thierry Mathurin .

prigione

Image by Ichigo121212 from Pixabay

Il 2 dicembre 1987, di prima mattina, Jean-Thierry Mathurin viene arrestato a casa sua. All’epoca viveva con un altro travestito del Paradis Ladin. Si era ripulito e aveva arrestato la sua furia omicida nell’autunno del 1984 . Ammise la sua complicità nei primi otto omicidi.

Il 4 dicembre 1987, Thierry Paulin, 24 anni, fu accusato di 18 omicidi, perché tre non sono in linea con le informazioni della polizia. E Jean-Thierry Mathurin , 22 anni, è incriminato per 8 omicidi.

Le impronte digitali di Paulin erano state archiviate dalla polizia di Tolosa già nel 1982 . Le autorità si resero conto dopo l’arresto che Paulin avrebbe potuto essere identificato e arrestato molto prima, e che molte vittime avrebbero potuto essere risparmiate se ci fosse stato un file centrale contenente tutte le impronte digitali elaborate dal computer. Questo caso contribuirà alla creazione dell’Automated Fingerprint File (FAED).

Processo e la morte

All’inizio del 1988, Paulin si ammalò, mentre il suo corpo cominciava a soccombere agli effetti dell’AIDS. Nel giro di un anno fu ricoverato in uno stato di quasi paralisi, soffrendo sia di tubercolosi che di meningite. È morto durante la notte del 16 aprile 1989, nell’ala ospedaliera della prigione di Fresnes.

Solo Mathurin fu processato per i primi nove attacchi e omicidi, ricevendo una condanna all’ergastolo, più 18 anni senza condizionale. Attualmente è incarcerato, mentre tecnicamente, Thierry Paulin non è mai stato condannato per gli omicidi di cui è stato accusato.

Riferimenti cinematografici

Il film del 1994 J’ai pas sommeil (I Can’t Sleep), della regista Claire Denis (Chocolat, No Fear No Die) era basato sul caso Paulin.

 

Autore

  • BloodyMad Rabbit

    BloodyMad Rabbit narratrice, scrittrice e horror addicted, inciampo in tutto e ho la testa perennemente tra le nuvole, il mio tempo libero si divide tra il mio canale youtube https://youtube.com/c/BloodyMadRabbit e le consolle. Se non sto scrivendo probabilmente sono a caccia di Pokemon o sto cercando di riprodurre l’esperimento del Dr. Frankenstein con delle cordon bleu e polli di gomma con carrucola.

    Visualizza tutti gli articoli