Stanotte sfilano cento fantasmi

Stanotte sfilano cento fantasmi è l’adattamento a fumenti di Serena Meo di una storia di Xia Jia autrice cinese del fantastico e fantascientifico accompagnata dalle meravigliose illustrazione di Caelpher (Gabriele Ghirelli).

Stanotte sfilano cento fantasmi – Trama

Stanotte sfilano cento fantasmi di Serena Meo, Xia Jia e Caelpher
Stanotte sfilano cento fantasmi di Serena Meo, Xia Jia e Caelpher
Acquista su
AmazonLibreria Universitaria

Ning è un ragazzino che abita in Via dei Fantasmi in un Luna Park del futuro. Passa il suo tempo in compagnia di tanti amici strani: spiriti, demoni, animali fantastici e, ovviamente, fantasmi!

Ma chi è davvero Ning? E cosa gli impedisce di fuggire da lì e conoscere un mondo nuovo?

Per scoprirlo, Ning dovrà affrontare gli spettri del suo stesso passato e quelli – molto più concreti e reali – dell’intera Via dei Fantasmi.

Ispirato al celebre racconto della scrittrice di fantascienza Xia Jia, grazie alla penna di Serena Meo e ai disegni di Caelpher G. Ghirelli nasce l’adattamento di Stanotte sfilano cento fantasmi, il primo fumetto della collana Futuresque.

Recensione

Ho acquistato Stanotte sfilano cento fantasmi dopo aver visto la pubblicità sulla pagina del suo illustratore. Ho aspettato pazientemente che fosse disponibile su Amazon dal momento stesso in cui è stato fatto il suo annuncio. Finalmente riesco a prenderlo e finalmente arriva a casa mia. L’opuscolo è sottile, breve, ha una copertina opaca, morbida al tatto. È sottile, una sessantina di pagine circa, a colori.

Ning   -Stanotte sfilano cento fantasmi   -Studi preparatori di Caelpher
Ning -Stanotte sfilano cento fantasmi -Studi preparatori di Caelpher

La storia è quella di un ragazzo Ning che vive nella famosa Via dei Fantasmi, un luogo dove dimorano gli spiriti di coloro che non sono più vivi. Le loro anime sono infatti racchiuse in degli involucri robotici, dei corpi finti che ricordano le sembianze di esseri umani. Corpi metallici, di ferro che però contengo l’essenza di ciò che essi erano in vita. E dopotutto cos’è l’umano? Il corpo o la mente? Sono dunque essi meno umani di coloro che sono vivi?

Essere o non essere è davvero il problema? (Contiene Spoiler)

Ning viene definito come l’unico essere umano a vivere in Via dei Fantasmi. E tutto sembra scorrere intorno a lui come un tempo senza fine fino a quando non ascolta una strana conversazione che lo porta a interrogarsi su sé stesso e sulla propria presenza in quella strada. È davvero un essere umano? Oppure è anche lui un costrutto come tutti gli altri? O forse addirittura non è nessuno? Del resto le sue memorie riguardano solo e solamente Via dei Fantasmi mentre tutti gli spettri che vivono lì hanno avuto una vita in passato, dei ricordi e degli affetti. Ma cosa resta al piccolo Ning oltre quella via?

La domanda cresce, si insinua. È una spirale vorticosa fatta di rovi che scava all’interno della mente della del protagonista. Prende piede e scava fino a coprirne ogni anfratto. Un chiodo fisso che batte per ottenere una risposta.

Ma qual è il prezzo di una simile risposta? E quali sono le battaglie che davvero vale la pena di combattere?

La scelta potrebbe spingere Ning ben più in là di quanto si aspetta.

Questi fantasmi

Xiao Quian   -Stanotte sfilano cento fantasmi   -Studi preparatori di Caelpher
Xiao Quian -Stanotte sfilano cento fantasmi -Studi preparatori di Caelpher

I fantasmi di Stanotte sfilano cento fantasmi sono spiriti con delle storie e un passato. L’impavido Yan, la dolce Xiao e tutti gli altri spettri portano sulle loro spalle il peso di quella che è stata la loro vita, ripianti, promesse infrante. Tutto questo forma la loro personalità, è parte del loro spirito.

Ammetto di essere poco esperta di tradizioni cinesi, ma dalle mie ricerche emerge il fatto che essi credano nel fenomeno della reincarnazione. Consideriamo ora la Via dei fantasmi come una sorta di metaforico limbo dove queste anime possono trovare il tempo di riappacificarsi con sé stessi e con il loro passato prima di poter procedere oltre. Distaccarsi in maniera definitiva dalla vita terrena. Possiamo capire con facilità cosa lega Xiao a questo mondo, alla Via dei fantasmi stessa e perché ella non voglia abbandonarla. Ammetto di aver amato molto questo personaggio. La mano di Caelpher la rende particolarmente viva. C’è qualcosa di lei che balza fuori dalle pagine. Il suo dolore e allo stesso tempo la sua forza. È un personaggio colmo d’amore, ma di un amore che tutto da e nulla chiede. Lei è viva, nel suo essere uno spettro.

Un viaggio mistico verso l’oriente

Come ho detto più volte amo molto la mitologia e nutro un profondo fascino nei suoi confronti. Tuttavia è anche vero che la mitologia è un argomento molto vasto e non sempre si ha la possibilità di conoscere tutto. Questo per dire cosa? Ho apprezzato molto questa storia, ma credo anche fermamente che possa essere apprezzata ancora maggiormente da chi ha una vaga conoscenza del background di miti e leggende che riguardano gli spiriti della tradizione cinese.

E se non altro possi dire che mi ha davvero incuriosito in merito al punto che certamente cercherò di informarmi al meglio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.