Batman Adventure The Ride 2

Il cavaliere oscuro è uno dei personaggi Dc Comics tra i più amati di sempre. Creato da Bob Kane e Bill Finger. Fin dalla sua prima pubblicazione nel maggio 1939 si è rivelato come una vera e propria icona.

Batman ha ispirato moltissimo la cultura editoriale di ogni genere. La sua figura controversa rappresenta da sempre la dualità: lo spirito della vendetta-giustizia di notte e, del miliardario-filantropo di giorno che è entrato nella cultura pop, a ragion veduta.

La poesia e la drammaticità che avvolge la sua figura ha scatenato da sempre le più recondite fantasie di migliaia di autori. Negli ultimi quarant’anni dalle pagine dei fumetti ha poi entusiasmato sceneggiatori e registi che lo hanno portato alla ribalta televisiva e cinematografica.

Vedremo alcuni degli attori che a mio avviso hanno reso ancora più grandioso, se possibile Bruce Wayne. Ero abituata ai cartoni animati che negli anni 90 erano molto in voga e, in seguito ho visto la vecchissima serie del 66 con Adam West e Burt Ward, ma nei primi anni 90, scoprii il primo film a lui dedicato. Ero piccolissima, ma da quel momento mi sono appassionata in maniera ineluttabile al cavaliere oscuro.

Batman per Tim Burton

Michael Keaton in Batman (1989)
Michael Keaton in Batman (1989)
© IMDB

Per il visionario regista Tim Burton, il cavaliere oscuro ha assunto il volto di Michael Keaton. Che dopo aver interpretato Beetlejuice sotto la direzione dello stesso regista, ha saputo dare ancora maggiore prova della sua bravura, per trasformarsi nell’eroe di Gotham City. Devo ammettere che ci è riuscito alla grande.

Quando vidi per la prima volta Keaton alzarsi in piedi dalla sua poltrona con l’espressione corrucciata  e pronto a rispondere alla chiamata del bat-segnale, sulle note del tema di Denny Elfman, mi percorse un brivido che ricordo  ancora ora, dopo quasi trent’anni.

Ciò che rendeva credibile il personaggio non era il costume di pelle nera, né il fisico particolarmente possente, né tantomeno l’altezza poco imponente nella realtà, ma la sua espressione. Aveva uno sguardo serio e determinato, ma soprattutto il tono caldo della voce dell’attore come anche quella del doppiatore mi hanno catturata.

Mi dispiacque moltissimo quando passò il testimone a Val Kilmer (nella pellicola diretta del compianto Joel Schumaker e ancora peggio, quando nel quarto subentrò Clooney). Per me Keaton è stato superbo mentre i suoi successori, stendiamo un velo pietoso.

Batman secondo Christopher Nolan

Christian Bale in Batman Begins (2005)
Christian Bale in Batman Begins (2005)
© IMDB

Christian Bale aveva anche la possanza fisica di un vero e proprio guerriero, senza contare che la psicologia del personaggio è stato sviscerata nel modo più veritiero e chirurgico possibile dall’incredibile Nolan.

Perfetto nella performance attoriale, Bale ha saputo dare qualcosa di suo, di ancora più tenebroso e di spartano al personaggio. Ha dovuto fingere la mondanità, ma ha saputo diventare il simbolo del mistero, dell’ombra interiore e un imperturbabile difensore della città più ricca e corrotta.

Lo abbiamo visto sudare sangue a suon di flessioni e contrastando ogni tipo di nemico possibile. Sacrificarsi addossandosi le colpe per gli omicidi operati da un altro. Infine spezzato nel corpo e nell’animo da nemici subdoli e ambigui, al di sopra delle sue forze. Forse più di tutti ha saputo mostrare lo spirito di sacrificio e il senso di missione di Batman. Ha fatto l’impossibile per salvare la sua città, a qualsiasi costo. Ha saputo trasformare in leggenda la saga di cui è protagonista.

Batman visto da Zack Snyder

Ben Affleck in Batman v Superman: Dawn of Justice (2016)
Ben Affleck in Batman v Superman: Dawn of Justice (2016)
© IMDB

Per il re delle riprese in slow motion ovvero Snyder, Batman ha preso il volto di Ben Affleck. Forse questi è stato anche tra i più criticati di sempre, ma a me, nonostante il riserbo iniziale è piaciuto molto.

Anche Affleck ha la fisicità giusta, sfoggia un’espressione del volto incredibilmente istrionica, capace di cambiare in un nano secondo, da quella dell’abile seduttore dal sorriso smagliante, allo spietato guerriero che fa sanguinare i nemici a suon di pugni.

La sua anima è più rude e mi fa pensare al rock, ma in definitiva, nonostante le varie vicissitudini anche Ben-Wayne ha saputo dare un ottimo contributo alla figura del crociato incappucciato, mostrando la sua forza tanto quanto la sua fragilità degna di un ottimo Bruce Wayne.

I Batman nelle serie DC:  Gotham e Titans

David Mazouz in Gotham (2014)
David Mazouz in Gotham (2014)
© IMDB

Per la prima volta nella serie Gotham, vediamo Bruce Wayne da ragazzino. Subito dopo l’omicidio dei suoi genitori e non per mezzo di alcuni flashback, ma lo vediamo nel suo presente. Sotto la guida del fedele Alfred e di un giovane e prestante Jim Gordon, lo vedremo crescere, soffrire e formarsi come l’uomo che un giorno sarà il temibile paladino  di Gotham. 

Interpretato dal giovanissimo David Mazouz che si è calato bene nel ruolo e, nonostante non fosse lui il protagonista assoluto della serie, ha saputo dare una buona interpretazione e catturare il favore del pubblico.

Nella serie Titans, tutt’ora in corso, invece vediamo un Wayne notevolmente invecchiato, per la prima volta non indossa mai il costume, lo conosciamo a poco a poco mentre fa da mentore e  padre al suo successore: Dick Greyson.

Interpretato dall’ex cavaliere Sir Jorah Mormont, direttamente da Il trono di spade è il grandioso Iain Glen. Non solo è molto credibile, ma ha rappresentato per me una sorpresa, vederlo in quel ruolo, ma l’ho apprezzato.

The Batman di Matt Reeves

Robert Pattinson in The Batman (2022)
Robert Pattinson in The Batman (2022)
© IMDB

Infine questo 2022 ci regalerà ancora un nuovo film che celebrerà il cavaliere oscuro e tutti i suoi peggiori nemici. Al momento possiamo gustare soltanto i trailer. Ebbene, sarà l’ex vampiro sbrilluccicoso di Twilight ovvero Robert Pattinson a trasformarsi nel terrore dei criminali.

Devo ammettere che l’annuncio mi giunse inaspettato, o meglio non ci volevo credere. Non sapevo davvero cosa pensarne, eppure vedendolo con il costume di scena nelle prime immagini rivelate dei set e dei vari trailer, devo ammettere che Rob non è affatto male.

Che sia la nascita di una nuova leggenda? Io me lo auguro visto l’affetto che nutro per questo eroe tenebroso e senza tempo. Non ci resta che attendere questa primavera per vedere se assisteremo davvero alla rinascita di un mito.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.