Takeshi Kitano

 Si svolgerà in forma virtuale la consegna del Gelso d’Oro alla Carriera a Takeshi  Kitano.

L’ospite di eccezione del Far East Film Festival purtroppo non sarà presente all’evento e si scusa con tutti coloro che attendevano il suo arrivo.

Mi ero organizzato per arrivare da voi ed ero pronto a partire.

A causa della situazione attuale, però, tra pandemia e guerra in Ucraina, e anche a causa della mancanza di forza fisica per affrontare un viaggio lungo 24 ore, ho dovuto rinunciare alla mia trasferta a Udine

Come si svolgerà il Kitano’s day?

Sonatine
SonatineFar East Film Festival

La data di venerdì 29 aprile, ovviamente, resta una data storica per il Far East Film Festival. E il programma del Kitano’s Day resta invariato: il premio gli verrà virtualmente consegnato alle 19.30 e il pubblico in sala potrà poi assistere alla proiezione dell’immortale Sonatine.

Un ospite d’onore come Takeshi Kitano è un sogno meraviglioso per il FEFF e per tutti gli spettatori che amano questo artista leggendario. I discepoli del Kitano più nero, scoperto guardando Violent Cop, i discepoli del Kitano più luminoso, scoperto guardando Il silenzio sul mare, i discepoli che lo hanno scoperto (e continuano a scoprirlo) nell’arco del tempo…

Impossibile comprimere in poche righe il viaggio entusiasmante che è la vita di Kitano. Un viaggio che si muove tra i generi e gli stili, tra il cinema e la televisione, ma anche tra la poesia e la letteratura, tra capolavori assoluti come Sonatine, Kids Return, Hana-bi (Leone d’Oro a Venezia nel 1997), L’estate di Kikujiro, Dolls, Zatoichi (Leone d’Argento 2003) e amatissimi cult di piombo e sangue come la saga criminale di Outrage. Senza ovviamente dimenticare il brutale sergente che interpreta nel celebre Furyo di Nagisa Oshima, al fianco di David Bowie e Sakamoto, o le incursioni hollywoodiane di Johnny Mnemonic e Ghost in the Shell.

Il programma del 29 aprile

Anche la sesta, penultima e, soprattutto, storica giornata del FEFF 24, ovviamente, non smetterà di proporre il meglio del cinema asiatico dal mattino alla sera. 10 i titoli in programma, tra cui il già citato cult Sonatine e Citizen K (il documentario di Yves Montmayeur dedicato a Kitano), che spazieranno dalla satira corrosiva di What to Do with the Dead Kaiju di Miki Satoshi fino all’anteprima mondiale dell’horror malaysiano The Devil’s Deception di Kabir Bhatia, passando per Return to Dust: il titolo-rivelazione dell’ultimo Festival di Berlino.

Come per i giorni precedenti vi postiamo qui il programma completo per tutti coloro che desiderano prendere parte di persona.

Ore 8.30 – CAFFÈ, GIORNALI E NOTIZIE DALL’ASIA

Rassegna stampa internazionale con Giulia Pompili (Il Foglio) e Francesco Radicioni (Radio Radicale).

Ore 9.00 – TALES FROM THE OCCULT

Regia di Fruit CHAN, FUNG Chih-chiang, Wesley HOI

(Hong Kong, 2022)

Ore 10.45 – INCONTRI/TALK

Anderson Le modera una conversazione sul Documentary Cinema.

Ore 11.15 – REROUTE

Regia di Lawrence A. FAJARDO

(Filippine, 2022)

Ore 14.00 – Visionario – CITIZEN K

Regia di Yves MONTMAYEUR

(Francia, 2021)

Ore 14.30 – WHAT TO DO WITH THE DEAD KAIJU?

Regia di MIKI Satoshi

(Giappone, 2022)

Ore 16.00 – Visionario – EXECUTIONERS

Regia di Johnnie TO, CHING Siu-tung

(Hong Kong, 1993/2022)

Ore 16.50 – RETURN TO DUST

Regia di LI Ruijun

(Cina, 2022)

Ore 17.30 – SOTTO LO STESSO CIELO

Giulia Pompili modera l’incontro La Corea del Sud tra K-pop e serie TV.

Ore 19.30 – Visionario – STREETWISE

Regia di NA Jiazuo

(Cina, 2021)

Ore 19.30 – SONATINE

Regia di Takeshi KITANO

(Giappone, 1993)

Ore 21.45 – CAUGHT IN TIME

Regia di LAU Ho-leung

(Hong Kong/Cina Continentale)

Ore 23.40 – THE DEVIL’S DECEPTION

Regia di Kabir BHATIA

(Malaysia, 2022)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.