star wars logo

Molte sono state le saghe cinematografiche che hanno segnato profondamente la cultura mondiale e scritto la storia della settima arte. Tra tutte ritengo che Star Wars sia la mia preferita e quella che nel bene e nel male possiamo definire intramontabile. Con i suoi nove film, le tre serie di successo, una lunga serie animata e diverse minori, i fumetti e i romanzi. C’è davvero molto da dire a riguardo, ma partiamo dai film che conosco praticamente a memoria.

La prima trilogia

Guerre stellari (1977)
Guerre stellari (1977) © IMDB

Come ormai tutti dovremmo sapere, la saga degli Skywalker si divide in tre trilogie: la principale degli anni ottanta, riguarda da vicino la storia dei gemelli Luke (Mark Hamill) e Leia Organa (Carrie Fisher) della loro lotta estenuante contro l’impero. Aiutati dal fedele Chewbecca e naturalmente dallo sfrontato Han Solo (Harrison Ford) e Lando Calrissian (Billy Dee Williams)  oltre che dall’alleanza ribelle.

I loro ideali nonché la loro crescita nella politica e nella forza ha permesso persino a uno dei miglior cattivi del cinema di ogni epoca: Darth Vader di capitolare alla fine. E proprio intorno a Vader che tutto si muove, lato chiaro e lato oscuro.

C’è da dire prima di passare a parlarvi del prequel che se tutti noi, ancora oggi amiamo, odiamo, critichiamo e giochiamo o compriamo tutto ciò che è stato prodotto riguardo Star Wars è grazie alla prima trilogia creata dal grande maestro George Lucas. Il suo genio giovanile ci ha regalato un universo sconfinato e un mito della forza senza eguali.

Ispirato dalle saghe medievali, dalla magia, dalle filosofie orientali, ogni cosa che riguarda la Galassia lontana, molto lontana si è ormai profondamente radicata nel nostro Dna e tutto il resto ci sembra imitazione.

Rogue one e Solo

Forest Whitaker, Wen Jiang, Felicity Jones, Diego Luna, Ben Mendelsohn, Alan Tudyk, Donnie Yen, and Riz Ahmed in Rogue One: A Star Wars Story (2016)
Forest Whitaker, Wen Jiang, Felicity Jones, Diego Luna, Ben Mendelsohn, Alan Tudyk, Donnie Yen, and Riz Ahmed in Rogue One: A Star Wars Story (2016) © IMDB

Non posso definirlo in altro modo se non stupendo! Ho apprezzato ogni singolo fotogramma, la storia, la fedeltà alla trama della prima trilogia, i protagonisti Gyn Erso (Felicity Jones) e Cassian Andor (Diego Luna) Mads Mikkelsen sono stati perfetti.

La fedele correlazione tra la Vendetta dei Sith e Un nuova Speranza con i piani rubati della morte nera da parte dei ribelli. Ho amato la strepitosa entrata in scena di Vader che mi ha fatta tremare d’eccitazione. Il finale poi dire che è emozionante, sembra un termine riduttivo.

Apro una piccola parentesi per quanto riguarda Solo: a star wars story, mi sono rifiutata di vederlo, non ho il coraggio lo giuro, non so se riuscirò mai nell’impresa.

La trilogia prequel

Ma prima dell’impero, dei gemelli della forza, dello sfacciata canaglia di pilota più furbo della Galassia, prima del Millennium Falcon e degli Star destroyer abbiamo conosciuto altre beghe politiche e la repubblica galattica.

Prima di tutto c’erano un ragazzino e una splendida dama, dal grande talento politico, due idealisti che anche se giovani edi differenti età, si sono legati subito: Padmè Amidala (Natalie Portman) e Anakin Skywalker (Jack Loyd/Hayden Christesen). Il loro amore impossibile forgiato tra mille difficoltà, impedimenti e le macchinazioni politiche di Palpatine (Ian McDiarmid) ci ha fatti emozionare e non poco.

Ewan McGregor, Natalie Portman, Liam Neeson, and Jake Lloyd in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (1999)
Ewan McGregor, Natalie Portman, Liam Neeson, and Jake Lloyd in Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma (1999) © IMDB

Sebbene la prequel abbia sollevato molto malcontento tra i fan nei primi anni 2000, oggi è invece accettata e amata dai più, invogliando la Disney a investire sulla storia di Kenobi interpretato nuovamente da Ewan McGregor e il suo apprendista ormai passato al lato oscuro impersonato da Hayden Christensen.

Tornando alla trilogia e soprattutto al primo episodio: La minaccia Fantasma ha il difetto di essere un pò più lenta, esplicativa e politica, questo è vero, ma ha anche il grande pregio di mostrarci ogni dettaglio dell’organizzazione della repubblica, delle galassie, dei sistemi dell’orlo interno, centrale ed esterno.

Ovviamente abbiamo conosciuto meglio tutto ciò che riguarda i cavalieri Jedi e la loro gerarchia e naturalmente in episodio II oltre le nozze segrete, abbiamo compreso come è nato il grande esercito che ha dato il via alle guerre dei cloni, citate da Leia all’inizio di Episodio IV: Una nuova speranza.

La vendetta dei Sith escludendo alcuni dialoghi che ne hanno abbassato il valore, resta comunque un film ben fatto e altamente emozionante, forse uno dei miei preferiti, anzi il mio preferito.

La trilogia sequel

Inutile dirvi che come tutti non amo alla follia l’ultima trilogia, ma voglio comunque salvare il personaggio di Rey (Daisy Ridley) che ha un suo spessore emotivo, un suo carisma e non fa sfigurare affatto la grande e nobile stirpe dei Jedi in qualità di ultimo membro.

poster Star Wars- Episode IX - l'ascesa di Skywalker (2019)Kylo Ren (Adam Driver) potevi salvarlo in pochi momenti. Nonostante la bravura dell’attore, era difficile amare il personaggio tranne alla fine. La diade nella forza in definitiva è risultata credibile, interessante e insieme hanno riportato con tenacia l’equilibrio nella forza. Per quanto riguarda la maggior parte degli altri personaggi, non c’è molto che possa dire per salvarli. Inutili, lagnosi e pedanti. Il ritorno dell’imperatore? Insensato per quanto mi riguarda.

Ma rivedere sullo schermo il maestro Luke, Leia e Han insieme a Chewe e Lando, quello sì, mi ha fatta commuovere. Gli ultimi Jedi è senza dubbio il più bello dei tre episodi, ma L’ascesa di Skywalker con pochissimi accorgimenti riguardo la trama, sarebbe stato senza dubbio migliore.

Nulla da ridire sulla tecnologia, gli effetti e tutto il resto che nelle ultime due saghe è davvero spettacolare, unica pecca della trilogia originale è ovviamente questo, ma la amiamo lo stesso alla follia.

Le serie animate

La prima serie animata: Clone Wars è incredibilmente lunga e ammetto di non averla appena finita. Ottima per certi aspetti, per alcuni personaggi e lenta e prolissa per altri. La guerra dei cloni meritava sicuramente degli approfondimenti, ma forse non così tanti.

Ho apprezzato il personaggio di Ahsoka Tano che rivedremo a sua volta in una serie a lei dedicata. Interpretata da Rosario Dawson prossimamente in uscita. Grazie a Clone Wars l’universo ha continuato a espandersi a dismisura, mostrandoci nuovi pianeti e nuove civiltà come nel caso di Mandalore.

Non ho ancora iniziato Star Wars Rebels o The Bad Batch con il tempo recupererò sicuramente.

Le serie tv

The Mandalorian è un capolavoro assoluto, non penso si possa pensare diversamente. Ben strutturata, ottima storia, colonna sonora ed effetti. Il protagonista grazie a Pedro Pascal è assolutamente incredibile e che dire del piccolo Grogu? Quanti lo amano? Penso tutti e chi dice il contrario, mente. Non solo aspetto la terza stagione con ansia, la bramo.

The Mandalorian – stagione 2

The Mandalorian torna con la seconda stagione dopo il successo della prima. Ispirata al mondo…

The Book of Boba Fett Key Art
The Book of Boba Fett Key Art © Disney Media

The Book of Boba Fett con Tamuera Morrison non mi ha appassionata più di tanto. Spin off della precedente, per quanto sia ben fatta non può eguagliare The Mandalorian, anzi le puntate migliori sono proprio quelle dove appaiono Mando, Grogu, Luke e Ahsoka naturalmente. In fondo il potenziale c’è, ma perfino gli sceneggiatori a un certo punto possono dare il meglio soltanto su un frangente piuttosto che su tutti. Staremo a vedere il futuro sviluppo della serie.

Riguardo Obi Wan Kenobi vi potrò dare un parere alla fine della serie e ovviamente aspettatevi un’approfondita recensione. Ora sono all’episodio cinque e la sto adorando sinceramente, avevo paura e non mi aspettavo di potermici appassionare così, nonostante io abbia un debole per Mcgregor-Christensen nei loro rispettivi ruoli. La chimica tra i due attori è perdurata dai due film della sequel fino a oggi.

I progetti futuri

Per quanto riguarda i videogiochi, le serie di romanzi, purtroppo non posso dirvi molto a riguardo, ma quel che è sicuro è che milioni di appassionati continuano a seguire le gesta dei nostri eroi e il franchise non sembra voler terminare.

Dal punto di vista cinematografico sappiamo bene che Kenobi è in corso, che The Mandalorian e Boba Fett avranno sicuramente delle nuove stagioni. Mentre Andor e Ahsoka sono in procinto di uscire, non sappiamo ancora quando, ma sempre in esclusiva sulla piattaforma streaming Disney+. Non resta che attendere nuovi annunci e che la forza sia con voi sempre…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.