Ghostbusters Legacy, film diretto da Jason Reitman e uscito nel 2021, viene ritenuto a tutti gli effetti il terzo capitolo, e non quarto, della fantastica saga fantascientifica.

Perché dico così? Il problema sta nel fatto che prima di questo film era uscito nel 2016 la versione femminile, Ghostbusters – Answer the Call, che ha suscitato non poche polemiche e che purtroppo ci ritroviamo a dover affrontare anche ora, in quanto, nonostante la presenza dello staff originale, la storia sembri essere più un’appendice della saga, che una continuazione, a differenza di quest’ultimo che riprende a tutti gli effetti gli eventi a distanza di quarant’anni, quindi ha un suo filo logico.

E dopo questo piccolo preambolo vi presento Ghostbusters Legacy.

Ghostbusters Legacy – Trama

Dopo essersi trasferiti in una piccola città, una madre e i suoi due figli iniziano a scoprire la loro connessione con gli Acchiappafantasmi originali e la segreta eredità lasciata dal nonno.

Recensione

Callie, una madre single con due figli, Phoebe e Trevor (per capirci Michael di Stanger Things) si trovano costretti a trasferirsi in una cittadina dimenticata da Dio, nella casa abbandonata del defunto padre di Callie, con coi la donna non aveva contatti da decenni.

Paul Rudd, Logan Kim, Mckenna Grace, Finn Wolfhard, and Celeste O'Connor in Ghostbusters: Legacy (2021)

Paul Rudd, Logan Kim, Mckenna Grace, Finn Wolfhard, and Celeste O’Connor in Ghostbusters: Legacy (2021) © IMDB

Fra oggetti che si muovono da soli e una leggenda molto familiare, noi degli anni ’80 ritroviamo segni dolci amori nelle scene riprese dal primo Ghostbusters e dai personaggi originali.

Devo ammettere che all’inizio ero molto scettica sulla solita solfa di strascinare film a distanza di oltre trent’anni ma, fortunatamente, mi sono ricreduta alla grande.

Questo film è un vero vaso di Pandora contente due tributi molti importanti, il primo è dato dal regista, Jason Reitman, al padre Ivan Reitman che all’epoca fu a sua volta regista dei Ghostbusters, per il secondo tributo, invece, mi spiace ma dovrete scoprirlo da soli.

Rivedere i protagonisti originali mi ha fatto venire un leggero magone, perché mi rendo conto che l’era dei grandi film, i nostri film, sta per giungere al termine e credo che per quanto vogliano riprendere e riproporre vecchi movie come questo, nulla sarà come prima.

Ghostbusters Legacy

Ghostbusters Legacy © Ghostbusters

Ma, c’è un ma, forse sarà stato per l’eredità del padre, ma il regista ha avuto il rispetto di proseguire quella lontana storia ambientandola ai giorni nostri e inserendovi però dettagli del film originale. (Con la speranza che finisca qua)

Anche se nei titoli di coda ci viene mostrata una clip che lascia intendere un proseguo. (Speriamo di no!)

Il ritmo iniziale è un po’ lento, come ovvio che sia per l’avvio delle storie, e più si va avanti, più cose vengono scoperte fino a giungere al gran finale che, ve lo devo dire, non ho potuto fare a meno di commuovermi. Sì, perché nel colpo di coda del film il passaggio di testimone tra tre generazioni di distanza dice addio a un’era.

La cosa che mi è piaciuta molto è che, nonostante l’importante tecnologia digitale di cui disponiamo oggi, il regista ha voluto mantenere uno stile semplice per le scene legate al passato e tecniche innovative per gli elementi nuovi del film.

In conclusione

Nella sua complessità il film è piacevole, nostalgico e avvincente, con una forte alternanza di scene soft e da fiato sospeso.

Non fatevi ingannare dal fatto che conoscete già la storia e i loro personaggi perché i colpi di scena non mancano e gli effetti speciali, seppur ridotti, sono potenti e intensi.

Buona visione a tutti

Autore

  • Rubi Libri

    Leggo, scrivo e recensisco. Appassionata di arte, musica rock e moto; autrice di "Podcast Libri Emergenti" su Spotify e di "Interviste Tandem" su Youtube. Ho pubblicato diversi romanzi ora disponibili su Amazon.