Come ho sottolineato nell’articolo precedente (Le migliori erbe per smudge: dall’artemisia alla salvia bianca), lo smudge è uno dei più importanti mezzi per purificare un ambiente e allontanare le energie negative. Oggi parleremo quindi di altre preziose erbe adatte a questa pratica di pulizia energetica.

Coltivare l’arte dello smudge

Gli smudge sticks sono incensi naturali creati con foglie e fiori essiccati. Ma lo smudge non è soltanto un intrico di erbe casuali. Creare il giusto smudge per il giusto tipo di purificazione è molto importante, oltre che essere paragonabile a una vera e propria arte.

È fondamentale la conoscenza delle erbe e soprattutto raggiungere il giusto grado di essiccazione. Spesso inoltre alle principali piante utilizzate per lo smudge stick si possono abbinare petali di fiori (i più comuni quelli di rosa) o erbe di diverso tipo per avere un aroma più complesso.

La principale arte dello smudging consiste nel produrre un denso fumo per mettersi in contatto con gli spiriti sacri, o per richiamare le parti più intime di noi stessi. La stessa parola profumo deriva dal latino per fumun che significa attraverso il fumo. In antichità infatti si celebravano gli dei facendo salire verso il cielo il profumo delle piante terrestri, in modo da mettersi in contatto con loro. Usanza tramandata anche nella religione cristiana, nella quale alcuni riti prevedono lo spargimento di incenso.

Dunque, i buoni motivi per accendere in casa uno smudge sono i seguenti:

  • infondere coraggio per l’inizio di nuovi progetti, o per affrontare la giornata;
  • diminuire lo stress così da agevolare il sonno;
  • protezione dal mondo esterno e dal suo caos di energie, talvolta tossiche.

Non esiste un numero esatto di volte settimanali in cui sia consigliabile accendere uno smudge stick, l’unica regola da seguire è ascoltare le proprie necessità interiori.

Le migliori erbe per smudge

Procediamo allora con l’approfondimento di alcune erbe molto efficaci per questa pratica. Piante ottime per alleggerire il carico che ogni giorno il mondo esterno impone su di noi.

Alloro

Alloro - Laurus Nobilis

Alloro – Laurus Nobilis

L’alloro viene utilizzato per le sue molteplici proprietà sin dal periodo dell’Antica Grecia, quando si usava intrecciare ramoscelli di alloro in corone da porre sul capo come riconoscimento di massimo onore e sapienza. Per questo anche oggi si pone sul capo una corona d’alloro in seguito al conseguimento di un titolo di Laurea.
Questa pianta è dunque simbolo di fama, onore, trionfo e immortalità, cara al dio Apollo e a suo figlio Asclepio, dio della medicina.

La tradizione popolare consiglia di sistemare alcune foglie di alloro sotto il cuscino per vedere in sogno le cose che potrebbero realizzarsi in futuro. Lo smudge stick di alloro aiuta a scacciare gli spiriti maligni, depurare il corpo e predisporre lo spirito al coraggio.

Pino

Efficace per le vie respiratorie grazie alle sue proprietà antisettiche, questa pianta può portare molteplici benefici. Purificante per il fegato e antireumatico, lo smudge stick di pino libera la casa da ogni impurità e alleggerisce l’ambiente, rilasciando un profumo duraturo che dona pace interiore.

Nell’Antica Grecia questa pianta era sacra alla Grande Madre Rea e al dio Dioniso. Era ritenuta simbolo di fecondità e generosità. Mentre nel periodo rinascimentale si credeva che fosse simbolo di morte perché una volta tagliato non è in grado di rinascere da se stesso. Inoltre, la sua resina richiama all’immortalità, mentre la pigna chiusa è considerata simbolo di castità.

Rosmarino

rosmarinoQuesta pianta ha sempre goduto di grande considerazioni, sin dalle antiche popolazioni, in particolare a partire dall’Antico Egitto. Gli Egizi erano soliti riporre rametti di rosmarino tra le mani dei defunti, così che loro potessero mantenere la memoria nell’aldilà.

Simbolo sacro ad Afrodite, questa pianta era considerata afrodisiaca, con proprietà magiche legate alla fertilità e alla fedeltà.

Pianta molto longeva e resistente, il rosmarino è perfetto per uno smudge rigenerante, particolarmente consigliato nei momenti di ottundimento e affaticamento. Ottimo anche il suo infuso, soprattutto per combattere spossatezza, vertigini e disturbi del sistema nervoso.

Yerba santa

Yerba Santa Flower. Sketchy hand-drawn vector illustration.La Yerba Santa (erba sacra) proviene dalle parti più aride d’America. Emana un profumo gradevole e viene utilizzata nella pratica dello smudging come erba di protezione, purificazione, guarigione, forza spirituale, coraggio e abilità psichiche.

Conosciuta anche come balsamo di montagna, erba dell’orso e pianta di gomma, veniva utilizzata dalle tribù di nativi come impiastro per ferite, punture di insetti, ossa rotte e piaghe. Le sue foglie sono considerate sacre dai Nativi Americani e possono essere usate per i rituali d’amore, crescita, bellezza e per il rilascio del dolore emotivo accumulato in particolare nel chakra del cuore.

Tra i principali benefici di questa pianta sono sicuramente da sottolineare i suoi effetti antiossidanti, antinfiammatori, neuroprotettivi e antitumorali.

Una purificazione completa

I Nativi Americani erano soliti unire i quattro elementi per i loro rituali di purificazione. Una ciotola d’acqua a rappresentanza dell’acqua, un fascetto di erbe per raffigurare la terra, la combustione del legno per il fuoco e il fumo come simbolo di aria.

Utilizzando una conchiglia come recipiente (o in alternativa una ciotola di rame) prova a riunire i quattro elementi per avvicinare il più possibile lo spirito alla purificazione!

Autore


Scopri di più da Vampire's Tears

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.