Nato dalla folle e macabra mente di Tim Burton, The Nightmare Before Christmas è un film d’animazione in cui gioia e malinconia si fondono tra due festività che sono opposte e, in qualche modo, collegate.

Prodotto da Tim Burton, con la regia di Henry Selick, il film uscì nel lontano 1993 sotto il colosso Disney e quest’anno son ben trent’anni di successi e curiosità.

The Nightmare Before Christmas  – Trama  –

The Nightmare Before Christmas (Collector's Edition) (2 Dvd) di Henry Selick

The Nightmare Before Christmas (Collector’s Edition) (2 Dvd) di Henry Selick
Acquista su
AmazonMondadoriFeltrinelliIBS

Jack è il re della città di Halloween che ogni anno organizza l’omonima festa. Quando casualmente scopre il Natale, decide di portarlo ai suoi concittadini, con esiti del tutto imprevisti

Recensione e curiosità

Può esistere un film da vedere sia ad Halloween che a Natale? A questo ci ha pensato Tim Burton col suo The Nightmare Before Christmas.

Ma da dove nasce questa folle storia? Ebbene, la leggenda narra che un giorno, Tim Burton. abbia visto un commerciante togliere le decorazioni di Halloween per poi sostituirle con quelle natalizie, e fu in quel momento che si chiese quale fosse il confine tra una festività e l’altra.

Nacque così il poema nel periodo in cui Burton lavorare per la Walt Disney, purtroppo il progetto fu accantonato per un po’ in quanto considerato troppo dark e spaventoso e, solo dopo i successi di Beetlejuice e Batman, il colosso decise di produrne il film, e di seguito uno stralcio:

“Era autunno, ad Hallowen, autunno inoltrato.
E faceva molto freddo, un freddo desolato.
In cima a un colle, illuminato dalla luna,
Jack Skeletron meditava sulla sua sfortuna.
Alto, sottile, un tipo allampanato,
portava al collo un pipistrello annodato.
Era stanco di Hallowen, che noia mortale!

Ogni cosa in quel posto era sempre sempre uguale.
“Basta con lo spavento, la paura e il terrore,
sento freddo alle ossa, ho bisogno di calore.
Di strabuzzar le orbite ne ho ormai abbastanza,
a che serve ripetere questa macabra danza?
Detesto i cimiteri non ne posso proprio più
di passar tutta la vita a urlar soltanto ‘Bù!”
Poi da una tomba, s’alzò una nebbia spettrale
e nell’aria si udì l’uggiolio di uno strano animale…”

All’opera lavorarono oltre cento persone per ben tre anni, in quanto il film fu girato in stop-motion, quindi, per realizzare un solo minuto di ripresa ci voleva un’intera settima. Inoltre, la Disney, ebbe da ridire sulla mancanza degli occhi del nostro Jack Skeletron, cosa che rendeva il personaggio troppo spaventoso.

Danny Elfman and Chris Sarandon in Nightmare Before Christmas (1993)

Danny Elfman and Chris Sarandon in Nightmare Before Christmas (1993) © IMDB

The Nightmare Before Christmas fu un pensiero fisso per il nostro Tim Burton. infatti, prima dell’uscita, il volto di Jack apparve per la prima volta in Beetlejuice, la cui testa è visibile sul cappello di Keaton, dopodiché, ebbe altri camei in diversi film come l’ombra in La principessa e il ranocchio, sul farfallino del Cappellaio Matto e molti altri.

Giungiamo al doppiaggio, se nella versione originale le voci di Jack erano diverse dal contato al parlato, in Italia abbiamo avuto il talento di Renato Zero, fulcro di ogni scena, la sua recitazione e i canti hanno dato vita ad un personaggio cupo e profondo ricco di sentimenti.

Ma facciamo un passo indietro, durante la realizzazione di Willy Wonka, in La fabbrica di cioccolato, Tim Burton decise di ispirarsi al nostro Renato Zero, di cui era un suo grande fan, così, quando fu scelta la sua voce per il ruolo di Jack Skeletron, Burton definì la sua interpretazione con un solo aggettivo, emozionante.

In conclusione

Esistono opere che durano nel tempo e questo film ne fa parte, The Nightmare Before Christmas quest’anno soffia ben trenta candeline e, come allora, un’intera generazione attende questo periodo, i cui toni malinconici di Halloween si fondono con quelli riflessivi e dolci del Natale, per sedersi su un divano, avvolgersi in una coperta e godersi un film d’animazione unico nel suo genere.

Ma la domanda resta, quando si deve vedere questo film? Io direi da Halloween a Natale.

Autore

  • Rubi Libri

    Leggo, scrivo e recensisco. Appassionata di arte, musica rock e moto; autrice di "Podcast Libri Emergenti" su Spotify e di "Interviste Tandem" su Youtube. Ho pubblicato diversi romanzi ora disponibili su Amazon.

    Visualizza tutti gli articoli