Loading...
IntervisteLibri

Intervista ad Alessia Cucé

A Tempo di Libri Sabato 10 Marzo 2018 ho incontrato anche l’autrice self publishing Alessia Cucé. Potevo non intervistarla?       

Ciao Alessia, siamo felicissimi di poterti intervistare.
È il secondo anno che sei a Tempo di Libri. Che esperienza è stata lo scorso anno?

Ciao a tutti e grazie mille per questo spazio. Sì, è il secondo anno a Milano e devo dire che sono strafelice di essere tornata perché l’anno scorso è stato meraviglioso. Ho adorato la fiera perché l’ho trovata più grande e spaziosa e molto ben servita, per non parlare dell’emozione di incontrare autori e lettori.

Da dove vieni? È stato un lungo viaggio per arrivare a Milano?

No, fortunatamente non è un lungo viaggio venendo da Roma.

Ti piace entrare in contatto coi tuoi lettori?

È una sensazione stravolgente. Essere riconosciuta, firmare autografi e fare foto ti rende orgogliosa e fiera per essere riuscita a suscitare delle emozioni positive in chi mi ha letto. È un’esperienza quasi extracorporea, come se non fossi io quella che cercano e chiamano e pensandoci ancora adesso mi sembra davvero impossibile.

Con le altre scrittrici invece che rapporto hai?

Con alcune ho un rapporto normale, tipico di un’amicizia nata su fb, con altre ho un rapporto stupendo. Ci ha unite la scrittura ma l’amicizia è andata oltre uno schermo, oltre il social ed è diventata qualcosa di speciale.

Ti senti più scrittrice o più lettrice?

Lettrice. Non mi ci sento ancora scrittrice.

È stato difficile decidere di diventare autrice in self?

È stata l’unica scelta possibile perché arrivare alle CE è davvero molto complesso e lento, quindi, dato che la voglia di pubblicare era immensa, mi sono buttata a capofitto e non mi pento di questa scelta, anzi.

Quanti libri hai pubblicato?

All’attivo ho undici libri. Alcuni li ho ritirati però perché, nonostante rappresentino il mio esordio, non mi ci riconosco più.

Quando pubblichi sei più emozionata per l’uscita del libro in ebook o per il cartaceo?

Non c’è differenza, ma ammetto che l’emozione di stringere il cartaceo tra le mani è sempre superiore.

Quale dei tuoi libri ami di più? Perché?

Il profumo della pioggia occupa un posto nel mio cuore per le tematiche e le emozioni descritte, perché sono state parte del mio vissuto e della mia famiglia.

A quale personaggio dei tuoi libri ti senti più legata?

Penso il primo perché è stato quello che mi ha dato lo spunto per cominciare. Ma ogni personaggio, a modo suo, è speciale perché rappresenta una parte di me.

 
bty
bty
Loading image... Loading image...
I tuoi libri sono ispirati a fatti realmente accaduti nella tua vita o sono opere di fantasia?

In ogni mio libro c’è del vero, del vissuto, sia che riguardi un fatto o una sensazione e anche una emozione.

Dove preferisci ambientare i tuoi libri e perché?

Non ho una preferenza. La scelta deriva da vari aspetti, sia di trama che di necessità dati gli argomenti.  

A che personaggi ti ispiri per la stesura dei tuoi romanzi? Personaggi famosi o persone che conosci?

A nessuno dei due. Se vedo un personaggio famoso e lo identifico col mio personaggio libresco, allora cerco di ispirarmi, ma solo fisicamente.

Quale musica ascolti per scrivere?

Silenzio assoluto. La musica è determinante in fase di ideazione, quando scrivo cerco di far tacere tutto intorno a me.

Quale libro non tuo consiglieresti?

Prima che tu dica noi di Laura Pellegrini. Andrebbe letto insieme agli altri due Prima che faccia buio e Prima che sia l’alba, ma è un libro pieno di suspense ed eros che ti trasporta e ti fa sognare.

Preferisci leggere libri pubblicati con una C. E. o in self?

Non ho preferenze, cerco però di dedicare il mio tempo di lettura ad autori italiani.

Da quanto tempo scrivi libri?

Ufficialmente dal 2013. Ufficiosamente da sempre.

Progetti futuri?

Un paio di lavori, ma ho appena pubblicato una dilogia e ho deciso di riposarmi un attimo, anche se non scrivere è davvero difficile.

Uscirà a breve un tuo nuovo romanzo?

No, ho pubblicato il 7 Febbraio, per un po’ di mesi non uscirà nessun mio libro perché trascrittura e correzione, passerà un bel po’ di tempo.

Grazie per essere stata con noi! Un abbraccio da parte mia e da tutto lo Staff di Vampire Tears.

      Grazie mille a voi per questa chiacchierata e per aver pensato a me.

        

 

          

Editor's choice
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno