Interview with the vampire - Claudia's story

Interview with the Vampire – Claudia’s Story è un’opera a fumetti tratta dal celebre romanzo di Anne Rice e adattato e illustrato da Ashley Marie Witter ovviamente con il benestare dell’autrice stessa. La storia porta alla luce un nuovo punto di vista che è quello della piccola Claudia sugli eventi che troviamo nel romanzo. Attualmente il fumetto è disponibile in lingua inglese, francese, tedesca e spagnola.

Claudia’s Story – Trama

Interview With The Vampire: Claudia's Story (The Vampire Chronicles)
Interview With The Vampire: Claudia’s Story (The Vampire Chronicles) di Anne Rice e Ashley Marie Witter –
Acquista su
Amazon

Lei era il vampiro che non avrebbe mai dovuto essere creato, la sua stessa esistenza era da considerarsi un abominio fra le creature della notte. Un predatore famelico imprigionato nel corpo di una bambina. Si muove fra le ombre di un mondo al quale non può mai appartenere del tutto. Orfana, figlia, vittima e mostro…

Questa è la storia di Claudia.

Recensione

Chiunque sia un appassionato delle Cronache dei Vampiri di Anne Rice non può sicuramente esimersi dal recuperare questa piccola opera d’arte che potremo definire come una sorte di spin-off d’Intervista col Vampiro.

La storia è quella che ben conosciamo, ma il punto di vista dalla quale viene raccontata è non più quello di Louis, ma quello di Claudia, la bambina vampiro che venne creata da Lestat per trattenere a sé Louis. E ciò che rende questo fumetto interessante è proprio questo aspetto che aggiunge e nulla toglie.

La Storia di Claudia

Interview with the vampire - Claudia's storyClaudia è spesso definita all’interno delle Cronache come il vampiro che non sarebbe mai dovuto essere creato. Il suo corpo di bambina diventa in un certo senso la sua prigione nel momento in cui il suo spirito, invece, matura grazie allo scorrere del tempo. Proprio questa sua caratteristica la rende un personaggio particolarmente complesso e meritevole di questo adattamento.

In questa storia Claudia ci racconta i suoi pensieri,  sui desideri e le pulsioni stesse che l’hanno spinta a compiere le sue azioni.  Vediamo la sua evoluzione così come lei stessa la percepisce. Dall’orfana spaventata e ferita alla piccola figlia della notte piena di meraviglia verso questo mondo. Dall’anima indifesa a una predatrice famelica che con la stessa caparbietà dei bambini non si ferma davanti a nulla pur di raggiungere il suo scopo. E il come la venerazione per il suo padre oscuro si trasforma in odio quando si rende conto che il dono  della notte l’ha relegata per sempre in una forma che la rende in qualche modo impotente.

La vendetta di Claudia in tutte le fasi in cui essa viene concepita mostra come per quanto il suo aspetto possa apparire innocente è forse la figura più spietata del trio, ma sotto certi aspetti anche la più sofferente.

“E la bambina che è morta?”

Interview with the vampire - Claudia's storyNon è un mistero che la figura di Claudia fu ispirata alla figlia della stessa Anne Rice. Michele morì di leucemia quando non  aveva ancora sei anni.  L’evento colpì fortemente sia Anne che Stan come è anche naturale che fosse.

Tuttavia, non  è difficile presupporre che la figura di Claudia inserita all’interno dei romanzi sia stata per l’autrice stessa un modo di superare il suo lutto. E del resto sarà la stessa Anne ad ammetterlo, ma solo molti anni dopo.

Alla luce di ciò possiamo dire che la figura di Claudia, il suo aspetto di eterna bambina, ma anche la sua evoluzione acquisisca una nuova luce. Il dolore della perdita di Louis diventa lo specchio del dolore di Anne.

Arte e illustrazione

Interview with the vampire - Claudia's storyLe illustrazioni di Ashley Marie Witter si sposano perfettamente con lo stile della storia trattata. La Witter ha un tratto elegante e raffinato. La scelta della colorazione seppia dona quel tono di antichità, quasi si trattasse di una storia molto vecchia e dimenticata dal tempo riportata alla luce dopo un  lungo sonno. E allo stesso modo, è indicativo il fatto che l’unico tono di colore che esula dalla palette è proprio il rosso che riprende il colore del sangue tema cardine di tutte le storie di vampiri e vessillo del legame fra i vari personaggi. Linea di passaggio fra il mondo dei vivi, dei morti e dello status di non-morte che appartiene a tutti i protagonisti della vicenda.

Claudia’s story: chi dovrebbe leggere questo fumetto?

Il fumetto porta una luce, come abbiamo più volte ribadito, su elementi narrati nel romanzo originale. Sebbene la storia possa essere compresa anche da chi non conosce il mondo della Rice, dal canto mio, mi sento comunque di consigliare la lettura di questo libro a chi ha già letto il romanzo principale, se non l’intera saga delle Cronache. La storia di Claudia è a tutti gli effetti un approfondimento e, come tale, conoscere i fatti d’Intervista col Vampiro ne garantisce una migliore interpretazione e comprensione.

Quindi sì, sebbene non necessario, ritengo doverosa passare per l’opera originale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.