All’età di 15 enni, Edmund Kemper ha ucciso entrambi i suoi nonni per “vedere come ci si sentiva”.

Dopo il rilascio, è andato alla deriva, raccogliendo e rilasciando autostoppiste. Ma presto smise di lasciarle andare, uccidendo sei giovani donne nella zona di Santa Cruz, in California, negli anni ’70. Nel 1973 ha ucciso sua madre e la sua amica prima di costituirsi

 Edmund Emil Kemper on April 28, 1973.

Edmund Emil Kemper on April 28, 1973. Santa Cruz County Sheriff’s OfficeCropped by Zaostao, Public domain, via Wikimedia Commons

  • Nome completo: Edmund Emil Kemper III
  • Nazionalità: americana
  • Date: nato il 18 dicembre 1948
  • Arco omicidi: 1964 / 1972 – 1973
  • Vittime: 10

Edmund Kemper: Infanzia e primi omicidi

Kemper è nato il 18 dicembre 1948 a Burbank, in California. I suoi genitori erano Edmund Jr. e Clarnell Kemper. Aveva anche una sorella maggiore e una minore ed era molto legato a suo padre. Per questo motivo, rimase molto turbato quando i suoi genitori divorziarono nel 1957. Sua madre ottenuta la custodia sua e delle sorelle si trasferì a Helena, nel Montana.

Edmund era un bambino molto intelligente con un QI pari a136. Tuttavia, ha mostrato comportamenti sociopatici fin dalla giovane età durante la quale ha torturato e ucciso animali. Si divertiva molto a torturare e uccidere i gatti: uno di questi è stato pugnalato a morte. Secondo quanto riferito, un altro gatto venne seppellito vivo. Successivamente lo dissotterrò di nuovo, lo decapitò e ne mise la testa su un palo. Ha fantasticato più volte di essere giustiziato con la sedia elettrica e spesso lo metteva in scena come un gioco con le sue sorelle. Ha messo in atto bizzarri rituali sessuali con le bambole delle sue sorelle e una volta disse che, per baciare un’insegnante di cui aveva una cotta, avrebbe dovuto ucciderla.

Un difficile rapporto con la madre

Kemper inoltre aveva una relazione difficile con sua madre alcolizzata,. Era molto critico nei suoi confronti e la incolpava di tutti i suoi problemi.

La madre, che costantemente lo rimproverava e umiliava, apparentemente soffriva di un disturbo borderline di personalità e questa la portò a costringere il figlio, quando aveva solo 10 anni, a vivere nel seminterrato, lontano dalle sue sorelle, poiché temeva potesse danneggiare le ragazze in qualche modo. Si rifiutò anche di mostrargli affetto per paura di “trasformarlo in gay” e disse al giovane Kemper che le ricordava suo padre e che nessuna donna lo avrebbe mai amato. Lo stesso Kemper in seguito la descrisse come una “donna malata arrabbiata”.

All’età di 13 anni, scappò e raggiunse suo padre in California, solo per scoprire che si era risposato e aveva fatto del figliastro l’oggetto del suo affetto. Kemper, con il cuore spezzato, fu rimandato da sua madre.

All’età di 14 anni, Kemper fu mandato a vivere con i nonni paterni, Edmund Sr. e Maude Kemper, nel loro ranch a North Fork, in California.

L’omicidio dei nonni e il carcere psichiatrico

Il 27 agosto 1964, Kemper sparò a sua nonna mentre era seduta al tavolo della cucina a dare gli ultimi ritocchi al suo ultimo libro per bambini. Quando suo nonno tornò a casa dalla spesa, Kemper ha sparato anche a lui per risparmiargli la vista della moglie morta. A questo punto fece due telefonate: la prima a sua madre per dirle ciò che aveva fatto e poi alla polizia locale per fare lo stesso. Interrogato, ha detto che “voleva solo vedere cosa si provava ad uccidere la nonna” e che aveva ucciso suo nonno perché sapeva che si sarebbe arrabbiato con lui per quello che aveva fatto a sua nonna. Kemper aveva solo 15 anni all’epoca.

Per i suoi crimini, Kemper è stato consegnato alla California Youth Authority. Ha subito una serie di test, che hanno determinato che aveva un QI molto alto, ma soffriva anche di schizofrenia paranoide. Kemper è stato infine inviato all’Atascadero State Hospital, una struttura di massima sicurezza per i detenuti malati di mente. Lì fece amicizia con il suo psicologo e divenne persino il suo assistente.

Il 18 dicembre 1969, giorno del suo ventunesimo compleanno, Kemper fu rilasciato contro il volere di diversi psicologi e affidato alle cure di sua madre a Santa Cruz.

Kemper in seguito dimostrò ulteriormente ai suoi psichiatri di essere stato riabilitato e il 29 novembre 1972 i suoi precedenti minori furono definitivamente cancellati. L’ultimo rapporto dei suoi psichiatri in libertà vigilata diceva:

Se dovessi vedere questo paziente senza avere alcuna storia disponibile o ottenere alcuna storia da lui, penserei che abbiamo a che fare con un giovane molto ben adattato che ha avuto iniziativa, intelligenza e che era libero da malattie psichiatriche …

È mia opinione che abbia dato una risposta eccellente agli anni di trattamento e riabilitazione e non vedrei alcun motivo psichiatrico per considerarlo pericoloso per se stesso o per qualsiasi membro della società … [e] poiché può concedergli più libertà da adulto per sviluppare il suo potenziale, considererei ragionevole avere un’espunzione permanente dei suoi precedenti minorili.

Diventare un Serial Killer

Dopo essere stato rilasciato, Kemper, che viveva ancora con sua madre, accettò una serie di lavori umili prima di ottenere un lavoro presso il Dipartimento dei lavori pubblici dello Stato della California come manovale. All’epoca era alto 2,05 m e pesava circa 140 kg. Ha fatto amicizia con diversi agenti della polizia locale e ha persino pianificato di diventare un poliziotto lui stesso. Un sogno che si è infranto quando ha scoperto di essere al di sopra dell’altezza regolamentare.

Sebbene non fosse bravo a gestire i soldi, alla fine ha risparmiato abbastanza per allontanarsi da sua madre e prendere un appartamento con un compagno di stanza. Dopo aver ottenuto un risarcimento di $ 15.000 attraverso un incidente in moto, ha acquistato una Ford Galaxy gialla e ha iniziato a percorrere la costa del Pacifico alla ricerca di autostoppiste, raccogliendo nel frattempo materiale per uccidere come un coltello, sacchetti di plastica e manette.

Alla fine ha dovuto lasciare il suo appartamento ed è tornato a vivere con sua madre, che a quel punto aveva divorziato per un totale di tre volte.

I primi omicidi: Pesce e Luchessa

Image depicts Anita Luchessa. First published in US media May 1972

Image depicts Anita Luchessa. First published in US media May 1972 Family member, c. 1972., Public domain, via Wikimedia Commons

Tra il maggio 1972 e il febbraio 1973, Kemper ha commesso 6 omicidi, raccogliendo studentesse che facevano l’autostop, portandole in aree rurali isolate e uccidendole.

All’inizio, Kemper raccoglieva le autostoppiste e le lasciava andare. Nel 1972 offrì un passaggio a due studentesse dello Stato di Fresno, Mary Ann Pesce e Anita Luchessa, ma le ragazze non sarebbero mai arrivate ​​a destinazione. Le loro famiglie ne hanno denunciato la scomparsa poco dopo. Non si sarebbe saputo nulla del loro destino fino al 15 agosto, quando una testa femminile fu scoperta nei boschi vicino a Santa Cruz e in seguito fu identificata come quella di Pesce.

I resti di Luchessa, tuttavia, non furono mai trovati.

Kemper spiegherà in seguito di aver pugnalato e strangolato Pesce prima di pugnalare anche Luchessa. Dopo gli omicidi, ha riportato i corpi nel suo appartamento e ha rimosso loro la testa e le mani. Secondo quanto riferito, Kemper ha anche avuto rapporti sessuali con i loro cadaveri.

Aiko Koo e Cindy Schall

Più tardi quell’anno, il 14 settembre 1972, Kemper andò a prendere la quindicenne Aiko Koo, che aveva deciso di fare l’autostop piuttosto che aspettare l’autobus per portarla a un corso di danza. Avrebbe incontrato la stessa sorte di Pesce e Luchessa.

Nel gennaio 1973, Kemper ha continuato ad assecondare sui suoi impulsi omicidi, raccogliendo l’autostoppista Cindy Schall, che ha sparato e ucciso. Mentre sua madre era fuori, Kemper andò a casa sua e nascose il corpo di Schall nella sua stanza. Ha smembrato il suo cadavere lì il giorno seguente e ne ha gettato i pezzi nell’oceano. Seppellì la sua testa nel cortile di sua madre, come una specie di scherzo malato, in seguito giustificò il fatto, asserendo che sua madre “voleva sempre che le persone la ammirassero.”

Thorpe e Liu

Il 5 febbraio 1973, Kemper guidò fino all’università, dove offrì un passaggio a due studentesse, Rosalind Thorpe e Alice Liu. Poco dopo averle raccolte, ha sparato alle due giovani donne, quindi ha superato la sicurezza del campus ai cancelli con le due donne ferite a morte nella sua auto. Dopo gli omicidi, Kemper ha decapitato le sue due vittime e ulteriormente smembrato i corpi, rimosso i proiettili dalle loro teste e disposto le loro parti in luoghi diversi. A marzo, alcuni dei resti di Thorpe e Liu sono stati scoperti da escursionisti vicino all’autostrada 1 nella contea di San Mateo.

Accoltellava, sparava o soffocava le vittime e poi faceva sesso con loro e le sezionava. 

Importante notare come molti dei suoi omicidi sono stati commessi dopo delle liti con sua madre.

L’omicidio della madre e la fine

Il 19 aprile 1973, colpì sua madre a morte nel sonno e trascorse ore a mutilare il suo corpo, tagliandole la testa, usandola per il sesso orale, lanciandole freccette e gettando le sue corde vocali nel tritarifiuti, ma la macchina non è riuscita a rompere il tessuto duro e lo ha rigurgitato nel lavandino. Dopo il suo arresto Ed ha affermato:

Sembrava appropriato tanto quanto lei si era lamentata, urlato e urlato contro di me per tanti anni.

Kemper poi nascose il cadavere di sua madre in un armadio e andò a bere in un bar vicino.

Ma l’assassinio non ha soddisfatto i suoi istinti omicidi, così ha invitato Sally Hallett, un’amica di sua madre, e ha ucciso anche lei quando è arrivata, poi ha nascosto il corpo in un armadio.

Kemper è fuggito dalla zona il giorno successivo, guidando verso est fino a raggiungere Pueblo, in Colorado, guidando per circa 1600 km, 

Il 23 aprile, notando che nessuno parlava degli assassinii da lui compiuti, deluso, ha chiamato la polizia di Santa Cruz per confessare i suoi crimini.

Lui si aspettava di venire inseguito e di essere l’obiettivo di una imponente caccia all‘uomo per questo aveva portato con se 3 pistole e centinaia di munizioni.

All’inizio, la polizia non credette che il ragazzo che conoscevano come “Big Ed” fosse un assassino. Ma durante i successivi interrogatori, li avrebbe condotti a tutte le prove di cui avevano bisogno per dimostrare che era in realtà il famigerato “Co-ed Killer”.

Quando in un’intervista successiva gli è stato chiesto perché si fosse costituito, Kemper ha detto:

Lo scopo originale era sparito …

Non serviva a nessuno scopo fisico, reale o emotivo. Era solo una pura perdita di tempo …

Emotivamente, non potevo resistere ancora per molto.

Verso la fine lì, ho iniziato a sentire la follia di tutta quella dannata cosa, e al punto di quasi esaurimento, vicino al collasso, ho semplicemente detto al diavolo e annullato tutto.

La Condanna

Accusato di otto capi di omicidio di primo grado, Kemper è stato processato per i suoi crimini nell’ottobre 1973. È stato riconosciuto colpevole di tutte le accuse all’inizio di novembre. Quando il giudice gli chiese quale pensasse dovesse essere la sua punizione, Kemper ha detto che dovrebbe essere torturato a morte. Ha invece ricevuto otto ergastoli simultanei.

Al momento, Kemper sta scontando il suo tempo presso la California Medical Facility a Vacaville.

Curiosità

Al momento degli omicidi di Kemper, anche altri due serial killer, John Linley Frazier e Herbert Mullins stavano perpetuando i propri crimini nell’area, con il risultato che Santa Cruz ricevette l’ignominioso soprannome di “Capitale mondiale degli omicidi” dalla stampa. Da parte sua Kemper, è stato soprannominato “Co-ed Killer” e “Co-ed Butcher”.

Kemper e Mullins sono stati brevemente trattenuti in celle adiacenti, con il primo che ha accusato con rabbia il secondo di aver rubato i suoi siti di scarico dei corpi.

L’autore Thomas Harris ha basato il personaggio di Buffalo Bill nel suo libro Il silenzio degli innocenti in parte su Kemper. Nel libro, Buffalo Bill era un serial killer che, come Kemper, aveva iniziato la sua “carriera” uccidendo impulsivamente i suoi nonni da adolescente.

Quando ascoltate audiolibri in lingua originale sappiate che nel periodo che va dal 1977 al 1987 Kemper ha passato più di 5.000 ore nello studio di registrazione del carcere, prestando la sua voce a più di 500 audiolibri. Kemper ha letto e narrato titoli come i romanzi tratti da Star Wars, la saga di Dune di Frank Herbert, e poi romanzi rosa, western, libri d’avventura.

La qualità di questi audiolibri è molto bassa, dato che si trattava di prodotti amatoriali pensati per chi era cieco o per le persone affette da gravi problemi agli occhi.

Proprio per questo motivo gli audiolibri letti da Ed Kemper non sono presenti negli store digitali, ma non mi sento di escludere che molto presto nasca un mercato parallelo nei vari torrent per tutti i feticisti di questo serial killer dai modi apparentemente gentili e affabili, peccato che amasse brutalizzare e a volte anche mangiare i cadaveri delle sue povere vittime.

Autore

  • BloodyMad Rabbit

    BloodyMad Rabbit narratrice, scrittrice e horror addicted, inciampo in tutto e ho la testa perennemente tra le nuvole, il mio tempo libero si divide tra il mio canale youtube https://youtube.com/c/BloodyMadRabbit e le consolle. Se non sto scrivendo probabilmente sono a caccia di Pokemon o sto cercando di riprodurre l’esperimento del Dr. Frankenstein con delle cordon bleu e polli di gomma con carrucola.

    Visualizza tutti gli articoli