Nicolas Claux è un imprenditore e un artista molto conosciuto specialmente tra gli appassionati di true crime.

I suoi dipinti che ritraggono serial killer e scene del crimine sono molto apprezzati e richiesti.

La sua notorietà però, è dovuta principalmente al suo macabro passato a cui abbiamo dedicato un ampio articolo.

Nico ha accettato di rispondere ad alcune curiosità con estrema gentilezza e disponibilità concedendoci la seguente intervista.

Nicolas, come già sai, questa intervista farà parte di un articolo a te dedicato per far conoscere ai nostri lettori la tua storia, il tuo brand e la tua attività di artista e scrittore.
Nico, per tua stessa ammissione, sappiamo che fin da giovane hai avuto un’attrazione morbosa per la morte: hai vagato per i cimiteri, profanato tombe e sei riuscito a rimuovere e conservare teschi e ossa.
Come pensi sia nata la sua ossessione per il macabro?

Da bambino ero sempre attratto dalle scene dei cimiteri nei film horror.

Ricordo che rimasi affascinato dal trailer del film Phantasm in TV, anni prima di vederlo in video. Quando mio nonno morì, all’età di dieci anni, rimasi molto colpito dal vederlo nella bara e dall’atmosfera dell’obitorio.

Ho capito che avrei voluto fare questo lavoro più tardi, all’età in cui i bambini sognano di diventare cosmonauti o pompieri.

A diciotto anni ti sei arruolato nell’esercito e quando sei tornato hai fatto domanda per lavorare nelle camere mortuarie. Il tuo lavoro consisteva nell’aiutare con le autopsie, ricucendo i corpi e preparandoli per le cerimonie cattoliche. È stato in ospedale che hai iniziato a commettere atti di cannibalismo e vampirismo. Puoi spiegare cosa ti ha spinto a farlo e come ti sei sentito?

Nicolas Claux il vampiro di Parigi a serial Killers Exhibition

Nicolas Claux il vampiro di Parigi a serial Killers Exhibition

È un’escalation durata diversi anni. A dodici anni già fantasticavo di uccidere i miei compagni di classe con un martello o un coltello. A quindici anni ho iniziato a visitare da solo i cimiteri di Lisbona e poi di Parigi. A sedici anni ho iniziato a bere il mio sangue e quello delle mie amiche. A diciassette anni sono entrato per la prima volta in una cripta per sedermi in silenzio davanti alle volte a lume di candela. Un anno dopo ho aperto le mie prime bare e rubato i miei primi teschi.

A 21 anni ho commesso i primi atti di cannibalismo nell’obitorio dell’ospedale Saint Joseph di Parigi. A 22 anni ho iniziato a cercare attivamente di uccidere qualcuno. Ogni volta facevo un passo in più per soddisfare i miei impulsi criminali. Ne parlo nella mia biografia “Il Vangelo del Sangue” (The Gospel of Blood), è stata una discesa graduale nel crimine.

 Al di là degli impulsi compulsivi, sono convinta che ci sia un elemento di emulazione nelle cose che facciamo che è difficile da quantificare. Per esempio, è ovvio che Ted Bundy sia stato influenzato dalle azioni di Harvey Glatman… Diresti che la copertura mediatica dell’arresto di Jeffrey Dahmer nel 1991 può aver “ispirato” in qualche modo le tue azioni criminali?

Nicolas Claux

Nicolas Claux DSC images.

Dahmer fu arrestato nel ’91, quando avevo 19 anni, e avevo già nascosto diversi teschi e ossa nella cantina dei miei genitori.

Quindi sì, ero incuriosito dal suo caso e in particolare dall'”altare” che voleva creare, ma avevo già commesso furti di tombe per due anni e bevuto sangue anche prima del suo caso.

Ma molto prima di Dahmer, ero affascinato dalla storia del sergente Bertrand, un “vero vampiro” che alla fine del XIX secolo aveva dissotterrato diversi cadaveri nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Aveva mutilato i corpi e preso le teste.

Più che Dahmer, è stato questo criminale a ispirare alcuni aspetti dei miei crimini.

Anche Ed Gein e Ramirez, ma il mio cocktail criminale era unico perché lavoravo in un obitorio, quindi era più facile per me fare quello che volevo.

 Nicolas, tu hai scontato una pena per omicidio e per reati minori legati ai suoi impulsi; oggi sei un uomo libero. Il tuo reinserimento sociale è stato difficile?

Nicolas Claux come Hannibal Lecter

Nicolas Claux come Hannibal Lecter

È molto difficile quando vieni bollato come mostro dalla stampa, non c’è assolutamente modo di tornare indietro. Ho dovuto usare documenti falsi per lavorare di nuovo negli obitori e, anche con questi documenti falsi, le persone mi hanno riconosciuto e sono stato licenziato diverse volte a causa del mio passato.

Non posso fare un lavoro “normale” in un’azienda o con altri dipendenti perché ho una soglia di tolleranza estremamente bassa nei confronti delle persone “normali” e molto rapidamente posso diventare molto violento nei confronti di chi mi infastidisce (in passato volevo uccidere diversi colleghi negli obitori dove lavoravo), quindi è meglio per tutti se lavoro da solo. È quello che ho fatto negli ultimi tre anni, dopo aver fondato la mia casa editrice e il negozio online Serial Pleasures, e ora vivo molto meglio, senza uscire di casa.

Ho capito molto tempo fa che, per quanto mi sforzi, non sarò mai considerato un essere umano dalla società, quindi tanto vale accettare il mio status sociale di mostro e vivere di questa immagine, come faceva l’Elephant Man a Whitechapel.

Inoltre, la mia intima conoscenza della psicopatologia criminale mi legittima a scrivere e pubblicare libri sul crimine, e gli appassionati di true crime apprezzano molto la mia prospettiva organica.

Molti anni fa hai fondato il marchio Serial Pleasures, ma sei anche artista, scrittore ed editore. Che influenza ha ancora su di te il lato oscuro che ti ha portato a essere il “vampiro di Parigi“? Senti ancora le stesse pulsioni?

Sono esattamente la stessa persona che ero nel 1994, quando sono stato arrestato. La differenza è che ho un maggiore controllo sui miei demoni. Accetto la loro esistenza nella mia mente e so come placare la loro sete di sangue, guardando video di autopsie, dipingendo serial killer o scrivendo di Bundy o BTK.

A volte i giovani confusi dalle loro pulsioni omicide mi contattano per chiedere aiuto su come gestire le loro pulsioni e io cerco di aiutarli. A volte funziona, a volte no. Mi è stato detto che qualcuno che mi ha chiesto consiglio è stato arrestato per uno o più omicidi. È una grande responsabilità.

Parliamo di serial killer come Kemper o Dahmer: ritieni giusto che il sistema giudiziario americano (ed europeo) non abbia riconosciuto la loro malattia mentale? Personalmente, penso che il contesto psichiatrico non venga preso in considerazione in tribunale quando si tratta di omicidi efferati come quelli, ad esempio, di Dennis Nilsen…   sei d’accordo?

Dipinti realizzati da Nico Claux

Dipinti realizzati da Nico Claux

Penso che gli psichiatri non sappiano cosa fare con persone come Dahmer o Nilsen. Ho pubblicato le relazioni psichiatriche di Dahmer su Serial Pleasures.

Risponde alle loro domande con molta franchezza e dalla loro reazione si capisce che non sanno cosa dire. Non sanno cosa dire. C’è un punto di non ritorno nella psiche umana, quando la vita umana non ha più valore.

Nel 90% dei casi di serial killer, dopo il secondo omicidio non si può più tornare indietro. Non si prova assolutamente alcuna empatia e si dimenticano persino i volti delle persone che si uccidono o si cerca di uccidere. Le persone che ci circondano diventano come fantasmi. L’unica cosa reale è il proprio riflesso nello specchio.

Non c’è terapia per questo.

Lo scorso aprile hai inaugurato la mostra Serial Killers Exhibition a Milano, portando diversi cimeli originali appartenuti a personaggi del calibro di Armin Meiwes, Aileen Wuornos e Richard Ramirez, oggetti appartenenti al brand Serial Pleasures. Pensi di tornare alla Serial Killers Exhibition prima del 2 luglio, ultimo giorno utile per visitare la mostra?

Staring at Death 2: The Skulls

Staring at Death 2: The Skulls
Acquista su
Amazon

L’oggetto più impressionante che ho portato è stato il frigorifero di Armin. Avevo iniziato un’impresa di recupero delle cose di Armin nel 2020, la prima volta che ci andai, dopo aver visto che la casa rischiava di bruciare (forte odore di petrolio in cantina). Sono contento di essere riuscito a salvare il suo congelatore e altri oggetti dalla sala da pranzo, dalla cucina e dalla sala del macello prima dell’incendio che l’ha distrutta nel 2023.

Sono anche molto grato alla Venice Exhibition per avermi invitato a partecipare alla mostra Serial Killer. Ho una grande affinità con l’Italia, che per me è una delle più belle destinazioni per il turismo oscuro (cimiteri monumentali, musei delle cere anatomiche, ossari, luoghi del delitto Il mostro, ecc.) e sono molto felice che proprio a Milano si sia svolta la prima mostra al mondo di murderabilia.

Spero di tornare per gli ultimi giorni a Milano, nel luglio 2023, e per l’inaugurazione delle mostre successive, magari a Roma o in altre città europee. Ho già partecipato ad altre mostre di questo tipo negli Stati Uniti, ma quella in Italia è molto più professionale e suggestiva, grazie al mio amico collezionista Roberto Paparella, che possiede la maggior parte di queste lettere, disegni e oggetti. E sono anche contento che mi permettano di vendere i miei libri e le mie cartoline nel loro negozio!

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere a questa intervista? Vuoi parlarci dei suoi progetti futuri?

Sto lavorando a una decina di libri contemporaneamente (serial killer russi, il libro della figlia di Shawcross, le lettere di Ramirez, ecc.) ma sono molto orgoglioso del mio ultimo libro, Staring at Death: The Skulls. È un libro di fotografie che raccoglie i miei scatti realizzati nelle catacombe di Parigi, Germania e Italia, ma anche foto di collezionisti privati di fama mondiale. Sono molto soddisfatto della qualità fotografica di questo libro, è bellissimo e piacerà a tutti coloro che sono affascinati dai teschi umani.

Nicolas, grazie per il tuo tempo e in bocca al lupo per i tuoi progetti!

Grazie a voi!

Autore

  • Roxanne Caracciolo

    Affascinata dal lato oscuro che c'è in ogni persona, mi piace approfondire misteri e leggende. Ho studiato negli anni, tutto ciò che riguarda il vampirismo, a livello letterario, storico e reale. Quando non sono al lavoro o in palestra, sono immersa nella lettura, i miei autori preferiti sono Poe, Lovecraft, Wilde e tra i contemporanei King ed Anne Rice.

    Visualizza tutti gli articoli