Loading...
A Heart Full Of LoveLibriOh, baby, baby, it's a wild world

In ANTEPRIMA e in ESCLUSIVA recensione di Prigioniera del Tempo di Laura Gay

prigioniera del tempo

Titolo: Prigioniera del tempo
Autrice: Laura Gay
Casa Editrice: Self Publishing
Genere: time travel – romantico – storico
Narrazione: terza persona

Prezzo: Vedi su Amazon.it

“In effetti è inconsueto che una fanciulla come voi si aggiri per la città senza scorta e per
giunta di notte. Potrebbe essere pericoloso.”
Elisa strabuzzò gli occhi. “Ma come cazzo parli? Sembri uscito da un film sul medioevo!”
“Un film? Di che diavoleria si tratta?”
“Senti, mi stai prendendo in giro o ti sei fatto una canna?” Perdette la pazienza lei.
Le mancava anche il tossico per completare quella degna giornata!
“Mi rincresce, madonna, ma non riesco proprio a capire quello che dite.” Fece il giovane con aria contrita. Pareva spaesato e, cosa piuttosto strana, non sembrava fingere.
“E si può sapere perché mi chiami madonna? Per chi mi hai presa, per la cantante, forse?”
A quel punto lo sconosciuto fece un passo indietro quasi fosse timoroso. La fissava come avesse visto il diavolo.
“Ok, io devo raggiungere il mio motorino. E’ tardi e i miei genitori mi
aspettano, per cui se non hai altro da aggiungere io me ne andrei.”
“Cos’è un motorino?” Si decise a chiedere il ragazzo. “E voi chi siete? Una strega, forse? Le vostre vesti sono assai curiose!”

Wow! Ma proprio wow! Questo libro è a dir poco meraviglioso e sono davvero molto lieta e grata a Laura di poterlo recensire in anteprima e in esclusiva per Vampire’s Tears.
Partiamo dal presupposto che amo i viaggi nel tempo e amo Cesare Borgia da quando ho letto il manga La Madonna della ghirlanda (kakan no Madonna) di Chiho Saito.

Nel romanzo di Laura Gay troviamo Elisa, una ragazza che frequenta la quinta superiore nel 2009 che dopo aver scoperto di essere stata tradita dal fidanzato si rifugia nel suo posto preferito: castel Sant’Angelo a Roma e qui scovando una botola si ritrova nel 1496.
La prima persona che incontra è Cristiano, che anche se entrambi sono rimasti scioccati conoscendosi (secondo Cristiano Elisa era una strega. Secondo Elisa Cristiano era un fumato).
Tra i due nascerà una profonda amicizia e Cristiano aiuterà Elisa a trovare lavoro alla corte dei Borgia come dama di compagnia di Sancha, cognata di Cesare Borgia e sua amante.
L’incontro tra Elisa con Cesare Borgia è scintillante. I due fanno faville. Ma ci si potrà fidare di Cesare Borgia?

“Non può essere vero. Non può essere sul serio il 1496!”
Cristiano pareva stupito quanto lei. “Perché? Da quale epoca venite voi?”
“Dal 2009.”
“Che cosa? Allora è vero che siete una strega!”
Elisa lo guardò di sbieco, ma non replicò. Era tutto troppo assurdo. Forse quel tipo le stava tirando un brutto scherzo; non poteva essere altrimenti.
Eppure, più si guardava intorno, più tutto sembrava condurla verso quell’unica ipotesi: quella era la Roma del passato. La Roma dei Borgia.

È sicuramente un romanzo che coinvolge il lettore.
Non fatevi ingannare dal fatto che sia ambientato nell’epoca dei Borgia, non vi annoierete mai.
I personaggi storici come Cesare Borgia, Lucrezia Borgia, Sancha, sono perfettamente caratterizzati secondo studi storici eseguiti dall’autrice, così come gli avvenimenti storici.
Invece le vicende di Elisa, Cristiano e Betta (Betta è la sorella di Cristiano) sono del tutto inventate.
È uno spiccato di vita rinascimentale vista con gli occhi di una ragazza moderna come possiamo essere noi, il che è meraviglioso. Elisa fa gaffe che potremmo fare noi. Mi sono solo stupita di come le riesca ad uccidere uomini con freddezza e come riesca ad avere rapporti intimi con uomini di quel periodo data la scarsa igiene di quei tempi ma il tutto serve per il giusto sviluppo della storia. Per il resto è tutto è molto realistico in ogni avvenimento. Sono presenti scene di sesso ma sono fondamentali nella storia per caratterizzare meglio certi personaggi.
È un romanzo che consiglio a chi ama i Borgia (hahaha), i salti nel tempo, i romanzi storici e i romantici. Indicatissimo davvero a tutti, anche a chi deve prepararsi ad un’interrogazione scolastica sui Borgia (sarebbe un libro molto bello da leggere a scuola o per le vacanze estive-natalizie durante le superiori).
Scritto in modo magistrale e molto scorrevole ma si sa che Laura Gay è una garanzia totale.
Libro consigliatissimo! Non vedo l’ora di poter leggere il seguito! Sono emozionata all’idea!
Complimenti Laura per questo capolavoro!

Editor's choice
Il giorno più bello di Diego Romeo
Antonio Lanzetta - Conferenza stampa: I figli del male - Feltrinelli Salerno